Home / Tag Archives: Seconda Sezione (page 4)

Tag Archives: Seconda Sezione

Feed Subscription

Turchia: Alla larga dalle manifestazioni studentesche, manganellate pure contro i passanti!

Recandosi come ogni giorno all'Università, Kemal Bas si imbatte sul suo cammino in un corteo organizzato davanti la sua facoltà. Accesi gli animi tra i partecipanti e la polizia, gli agenti decidono di intervenire con violenza spropositata fatta di calci, pugni e manganellate nei confronti degli studenti, non facendo nessuna distinzione tra manifestanti e semplici passanti, tra cui lui.

Read More »

Ungheria: giudici alla ricerca del vademecum per il genitore modello

Ad un padre ungherese è persino proibito di vedere suo figlio! I motivi sono da ricercare nella sua appartenenza religiosa: non solo la famiglia gli volterà le spalle a suon di ricorsi, ma anche i giudici faranno la loro parte ammettendo perizie psicologiche parziali, e trovando dei metodi alquanto ortodossi per proteggere il minore in questione. Dalla Corte arriva pesante la condanna perché c'è stata una discriminazione e la violazione della vita privata e familiare.

Read More »

In Italia nessun diritto per i padri separati: dalla Corte arriva la condanna

Sergio Lombardo è un padre italiano che, dopo il divorzio, difende il suo diritto ad incontrare la figlia. I Giudici di merito affidano la figlia alla sola madre, regolamentando l'esercizio del "diritto di visita" del padre con l'assistenza dei servizi sociali. L'inefficienza dell'attività da questi ultimi si traduce, di fatto, nella inefficacia dei provvedimenti dell'Autorità giudiziaria, perché Lombardi incontrerà sua figlia soltanto un numero infinitesimale di volte. La Corte EDU dichiara la violazione dell'art. 8 CEDU: i giudici italiani sono stati passivi spettatori della mancata esecuzione dei propri provvedimenti.

Read More »

Carceri, Strasburgo condanna l’Italia: “Violati diritti detenuti,trattamento inumano”

Come possiamo ritenerci un paese civile se non abbiamo delle carceri civili? E' questa la domanda che dobbiamo porci dopo la condanna inflitta all'Italia dalla Corte di Strasburgo. A causa del sovraffollamento delle nostre strutture penitenziarie, all'interno delle celle, angusti e arrangiati spazi di 9 metri quadrati, vengono rinchiusi infatti fino a 3 detenuti, determinando quindi la mancanza di quei requisiti minimi sanciti dalla Corte europea dei diritti dell'Uomo.

Read More »

Lungaggini per un ricongiungimento familiare: la Turchia viola la CEDU

Il Signor Haluz Özmen vive attualmente a Samsun cittadina turca. Decide di rivolgersi in Corte EDU per rivendicare la violazione di alcuni diritti relativi al rispetto della vita privata e familiare. Dopo aver divorziato dalla moglie gli viene assegnata la potestà genitoriale della figlia, ma le autorità turche non garantiscono al ricorrente i suoi diritti. Per questi motivi si rivolge in Corte Edu che decreta la violazione della Convenzione da parte del governo turco.

Read More »

Turchia: la censura governativa colpisce ingiustamente il blog di un ricercatore universitario

Turchia: la censura governativa colpisce ingiustamente il blog di un ricercatore universitario

In Turchia il blog di un ricercatore di Ingegneria informatica viene bloccato dal provvedimento del tribunale di Denizli perché doveva impedire l'accesso di un sito contenente materiale offensivo della figura dell'eroe turco Atatürk, su richiesta della Presidenza delle telecomunicazioni ed informatica. Dinanzi all'impossibilità di accedere ed utilizzare il suo blog, il ricercatore cerca di appellarsi al provvedimento in questione, ma senza trarne alcun risultato. La sua richiesta di giustizia verrà infine accolta dalla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, che tutelerà il suo diritto alla libertà di espressione.

Read More »

Lituania: anche poche ore di detenzione illegittima violano la Convenzione Europea!

Anche poche ore di detenzione illegittima possono causare grandi sofferenze per una persona. Lo sa bene Maryte Venskutė, cittadina lituana, che si vede prelevata dal proprio posto di lavoro e posta sotto arresto arbitrariamente da parte di agenti della Guardia Nazionale di Frontiera per una presunta accusa di frode. Il giorno dopo viene rilasciata dalla detenzione per insufficienza di prove, ma la privazione della libertà subita la vedrà protagonista di una vicenda giudiziaria, giunta fino alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo.

Read More »

Italia: l’espulsione di una madre rom calpesta i suoi legami familiari

Italia: l’espulsione di una madre rom calpesta i suoi legami familiari

Una cittadina della Bosnia-Erzegovina di origine rom, la sig.ra Nevresa Hamidovic, che vive nel campo per nomadi "Castel Romano", è stata espulsa perché sprovvista della licenza di soggiorno, in forza di un'ordinanza del prefetto. Appellandosi a tale decisione, la cittadina bosniaca rivendica il suo diritto al rispetto della vita privata e familiare sancito dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo. Ma tale istanza non verrà accolta dai giudici interni ma solo dai giudici della Corte di Strasburgo.

Read More »

Ungheria: Proteggere i testimoni contro la mafia è dovere “sacro” dello stato

Divenuto a seguito di alterne vicende giudiziarie collaboratore di giustizia, un cittadino serbo, insieme agli altri ricorrenti, suoi familiari, lamenta che la loro esclusione dal programma di protezione testimoni li ha esposti a un pericolo mortale. Un’esclusione, contestata allo Stato Ungherese, che la Corte di Strasburgo ritiene effettivamente lesiva del fondamentale diritto alla vita enunciato all’art 2 CEDU e che su cui le autorità devono intervenire al più presto, ristabilendo le misure di protezione adeguate.

Read More »
Scroll To Top