Home / Tag Archives: Gravi Crimini (page 2)

Tag Archives: Gravi Crimini

Feed Subscription

La politica del figlio unico: viaggio dal 1979 ad oggi attraverso le scelte del regime cinese

La politica del figlio unico: viaggio dal 1979 ad oggi attraverso le scelte del regime cinese

Il Ministero della Sanità cinese ha fornito le stime ufficiali dell'istituzione della politica del figlio unico: in quattro anni sono già stati effettuati 336 milioni di aborti in tutta la nazione. Molteplici gruppi per i diritti umani e news networks hanno rilevato che molti aborti sono stati costretti. Ma cos'è l'istituto del figlio unico? Nel 1979 il governo cinese ha istituito una norma per il rigoroso piano di controllo delle nascite, nota col nome di “legge del figlio unico”: questa è stata introdotta per ridurre la crescita della popolazione, ma ha immesso anche pratiche come l’aborto e la sterilizzazione.

Read More »

Dietro l’apertura del gasdotto Myanmar e Cina c’è violazione dei diritti umani?

Dietro l’apertura del gasdotto Myanmar e Cina c’è violazione dei diritti umani?

Un gruppo di attivisti pro diritti umani sostiene che con la recentissima apertura del gasdotto tra i due paesi si siano verificate vicende che ledono i diritti dei lavoratori, furto di terreni, conflitti etnici e inquinamento ambientale. Non semplice però è il compito di riportare esattamente quanto accade perchè le fonti sono molto discordanti e se da una parte alcuni festeggiano un trionfo, altri gridano per le violenze e gli abusi che i militari del regime dell' ex Birmania hanno compiuto. Le proteste quindi sono per lo più interne, ma qui proponiamo un passaggio breve di quelle che è accaduto dal 2010 ad oggi.

Read More »

Estradizione in Kyrgyzstan: una svolta positiva della Russia in arrivo?

Estradizione in Kyrgyzstan: una svolta positiva della Russia in arrivo?

La Russia ha bloccato l'estradizione di cinque soggetti, di etnia uzbeka, verso il Kyrgyzstan dove potrebbero subire tortura e maltrattamenti, pratiche molto ben documentate in quella nazione. Gli imputati sono accusati di aver commesso vari reati, nel giugno 2010, che spaziano dall'aver partecipato a una rivolta al sequestro, dai danni volontariamente procurati a persone e proprietà privata all'illegale detenzione di armi. Questi crimini sarebbero la conseguenza del clima persecutorio prodotto dal governo del Kyrgyzstan ai danni dell'etnia uzbeka nel sud della nazione. Essi devono subire le più cruente rappresaglie.

Read More »

Diritti degli animali in Cina: storia a lieto fine e vittoria degli attivisti online

Diritti degli animali in Cina: storia a lieto fine e vittoria degli attivisti online

CINA: Gli attivisti pro-animali raccontano ai media di un un paese che ha aperto la strada al consumo di pinna e pene di squalo tigre; dove i visitatori dello zoo sono noti per divertirsi assaltando animali in gabbia con qualsiasi mezzo da rocce trovate lì nei dintorni o acido solforico accuratamente portato da casa, sembra impossibile parlare di rispetto e tutela dei diritti degli animali. Tuttavia ci sono segnali che indicano che gli atteggiamenti stanno cominciando a cambiare: a partire anzitutto da uno sforzo, poi divenuto successo, a chiudere le prestazioni di uno spettacolo di animali nella città cinese orientale di Jinan.

Read More »

TUTELA DELLA PRIVACY E INTERNET: URGENTE BISOGNO DI MODERNIZZAZIONE

TUTELA DELLA PRIVACY E INTERNET: URGENTE BISOGNO DI MODERNIZZAZIONE

La crescita globale nelle comunicazioni digitali, in concomitanza con l’aumento delle potenze di calcolo del governo, hanno alimentato espansive e nuove pratiche di sorveglianza. Nell'ambito di questi quadri giuridici obsoleti il continuo giustificare l'uso di queste tattiche ha permesso un esubero di intrusioni altamente invasive sul diritto alla privacy.

Read More »

Uzbekistan: lo strano episodio del giornalista sparito per caso

Uzbekistan: lo strano episodio del giornalista sparito per caso

21 settembre 2013, un premiato giornalista indipendente viene trattenuto in una stazione di polizia. Le presunte accuse ruota attorno a dei reati minori: è sospettato di aver avuto una collisione in una via con una donna, di averla apostrofata verbalmente in maniera poco consona e di averla toccata inappropriatamente. Tutto ciò ha prodotto una condanna a una pena detentiva amministrativa di 20 giorni e una multa che coprirà il 15% delle spese processuali

Read More »

Long road to Sudan, azioni militari e morti civili: storia di crimini contro l’umanità ed ingiustizia sociale.

Long road to Sudan, azioni militari e morti civili: storia di crimini contro l’umanità ed ingiustizia sociale.

Durante un'operazione di controinsurrezione, i militari del Sud Sudan hanno compiuto di nuovo rilevanti violazioni contro i civili, provocando anche la loro morte. Quest'azione è avvenuta nello Stato di Jonglei, migliaia di individui sono stati obbligati a lasciare le loro abitazioni, il che li ha resi ancor più suscettibili all'offensiva di altri gruppi etnici. Per evitare tutto ciò, la Repubblica del Sudan del Sud, deve appoggiare la giustizia militare e civile, in più deve riuscire ad arginare i miliziani; anche per bloccare maggiori infrazioni del Diritto Internazionale Umanitario.

Read More »

Le Fiji, un paradiso di diritti umani .

Le Fiji, un paradiso di diritti umani .

Si vocifera già da nove mesi un possibile miglioramento dei diritti umani e della loro tutela nelle Fiji: infatti risale a Gennaio di quest’anno la promessa di una stesura di vari emendamenti alla Costituzione del Governo delle Isole Fiji con un’estensione notevole di protezione anche a quelle lacune e a quei diritti per lo più sconosciuti. Tutto ciò potrebbe già essere realtà nei prossimi giorni: indiscrezioni locali rivelano che i piani di questa commissione potrebbero già essere promulgati il 6 settembre prossimo con la conseguente creazione di maggiori oneri e restrizioni in capo al Governo per non permettere più gli abusi che hanno avuto in passato. Inoltre nella situazioni in cui versa la Repubblica delle Fiji sembrerebbe d’obbligo provvedere subito ad un miglioramento sia sul piano sostanziale che su quello fattuale.

Read More »

Il Partito Comunista non ci sta: il processo all’attivista Le Quoc Quan continua per metterlo a tacere

Il Partito Comunista non ci sta: il processo all’attivista Le Quoc Quan continua per metterlo a tacere

Un blogger ed attivista vietnamita che per le sue idee e le sue critiche viene incarcerato con un appiglio giuridico in maniera tale da non poter più creare fastidi al partito: è il primo di tre blogger attivisti che vengono detenuti in attesa di un processo e che forse ci resteranno per molto tempo. Egli però non ha mai smesso di combattere per diritti quale il “giusto processo”, e della incarcerazione preventiva ed oggi Le Quoc Quan è diventato una figura di stima ed orgoglio per i combattenti moderni in difesa dei diritti umani, i quali preferiscono scrivere ed aprire dibattiti piuttosto che uccidere ed insabbiare.

Read More »

Tanzania: storie di ordinaria violenza

Tanzania: storie di ordinaria violenza

In Tanzania è quasi una storia di ordinaria repressione. Infatti, il dr. Ulimboka non è un dottore qualunque che per qualche artificio artistico ha sfidato il malvagio di turno, bensì il leader di un recente sciopero indetto dalla sua categoria, i medici. A un anno di distanza possiamo contare i segni sul volto del dottore e cercare di trarre un bilancio. In Tanzania la repressione nei confronti degli avversari politici sta crescendo e le violenze denunciate sono in aumento. Ultimo di una lunga lista è stato il lancio di una granata, durante un rally organizzato dal partito Chadema nella città di Arusha, che ha ucciso 4 persone: nessuno è stato indagato.

Read More »
Scroll To Top