Home / Tag Archives: Croazia (page 3)

Tag Archives: Croazia

Feed Subscription

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 26/03/2015

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 26/03/2015

La Corte Edu si pronuncia oggi su due casi di sparizioni forzate in Cecenia. I parenti non hanno più notizie dal giorno della cattura: la responsabilità è in capo al Governo russo che non è in grado di fornire elementi sufficienti circa la loro condizione attuale. A Mosca, invece, nel 2008 alcuni agenti di polizia, sotto copertura, si rivolgono a due tecnici informatici e richiedono l'istallazione di programmi per computer senza licenza. Le registrazioni forniscono la prova della colpevolezza innanzi al giudice russo, tuttavia secondo Strasburgo, le indagini hanno avuto un corso regolare; è invece la mancata nomina del legale d'ufficio per uno dei ricorrenti a pregiudicare il diritto ad un processo equo.

Read More »

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 12/03/2015

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 12/03/2015

Oggi la Corte europea dei diritti dell'uomo ha esaminato il curriculum di rispetto dei diritti umani di Croazia, Grecia, Russia e Portogallo; ma soltanto la Repubblica della penisola iberica è uscita indenne dal giudizio internazionale. In particolare, detenuti greci e croati hanno lamentato le condizioni inumani e degradanti nelle quali hanno vissuto in carcere per diversi anni; un padre croato residente negli Stati Uniti e separato da anni dal figlio, ha accusato i Giudici croati di non essere intervenuti per tempo in un difficile caso di sottrazione di minori: la moglie, infatti, in Croazia col figlio per le vacanze, non aveva più fatto ritorno negli U.S.A., chiedendo piuttosto il divorzio. Emblematico della difficile situazione dei diritti in Russia è infine il caso di Dmitriy Kopanitsyn, un detenuto russo che affida ad una lettera le proprie denunce contro il penitenziario dove era costretto per due anni: gli agenti penitenziari indirizzano erroneamente tale lettera al Presidente della Repubblica russa e gli riferiscono piuttosto che la lettera, giunta alla Corte europea, era stata rigettata!

Read More »

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 05/03/2015

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 05/03/2015

Dei casi decisi oggi si incontrano le storie giudiziarie di due persone che, a diverso titolo, hanno subito una incarcerazione ingiusta: sia nel caso Tsitsiriggos c. Grecia (n. 2) che nel caso Kotiy c. Ucraina i ricorrenti sono imprenditori accusati di reati in materia finanziaria e perciò detenuti in pendenza del processo penale. La Corte europea ha accertato per entrambi la violazione dell'articolo 5 della Convenzione europea, che sovrintende e protegge la libertà delle persone da una detenzione illegale ed ingiusta.

Read More »

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 04/12/2014

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 04/12/2014

La Corte europea ha condannato oggi Francia, Russia, Slovenia e Croazia in 8 diversi giudizi. In particolare, nel caso Navalnyy e Yashin la Russia ha collezionato molteplici violazioni a proprio carico, che spaziano dai trattamenti degradanti alla repressione politica, passando per un processo iniquo e una detenzione illegittima, ai danni di manifestanti molto scomodi, in quanto oppositori politici di spicco al Governo russo: Aleksey Navalnyy e Ilya Yashin.

Read More »

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 30/04/2014

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 30/04/2014

Quest'oggi la Corte di Strasburgo ha deciso tre casi, richiamando Croazia e Russia alle proprie responsabilità internazionali. Contro la Russia è stata mossa un'accusa molto pesante: quella di aver cagionato la morte di un giovane coscritto, Andrey Tikhonov, reclutato nell'ambito del servizio militare obbligatorio e ritrovato morto all'una di notte del 14 Aprile 2001, nel bagno della mensa militare. Archiviato dagli inquirenti come un caso di suicidio, i segni di abrasioni e contusioni che aveva per tutto il corpo hanno insospettito il giudice europeo, che ha dichiarato ineffettive le indagini svolte dal gigante russo.

Read More »
Scroll To Top