Home / Tag Archives: Art 6.1 CEDU

Tag Archives: Art 6.1 CEDU

Feed Subscription

Giustizia precaria in Romania: 14 anni per una sentenza definitiva

Giustizia precaria in Romania: 14 anni per una sentenza definitiva

Il sig. Encurlescu, cittadino rumeno, intentò una causa verso un terzo nel 1996 per falsificazione ed uso di documenti falsi. Il procedimento vide susseguirsi una serie di vicende: prima cadde in prescrizione il reato, seguirono poi una serie di ricorsi da parte del ricorrente, che non ottennero un esito favorevole. Dopo che vennero iniziati vari procedimenti la questione si concluse solo nel 2010, a distanza di 14 anni dal suo inizio. Il cittadino bulgaro, al termine di questo lungo iter giudiziario, ha fatto ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo per vedersi riconosciuta la violazione del suo diritto ad un equo processo sancito dall'articolo 6 della Convenzione Europea.

Read More »

Azerbaijan: I manifestanti violenti non hanno diritto ad un processo equo?

Azerbaijan: I manifestanti violenti non hanno diritto ad un processo equo?

In Azerbajian durante una manifestazione di protesta per il risultato delle presidenziali del 2003, alcuni sostenitori del candidato del principale partito d'opposizione si rendono colpevoli di atti di vandalismo e violenza. Dopo essere stati arrestati, 6 militanti vengono condannati in forza di un processo, senza la loro comparizione in aula. Nel tentativo di cercare giustizia adiscono la Corte di Strasburgo che accoglierà la loro istanza

Read More »

Germania e difesa in giudizio: l’incuranza di un diritto essenziale in uno stato di diritto

Germania e difesa in giudizio: l’incuranza di un diritto essenziale in uno stato di diritto

Il sig. Nerim Neziraj, originario della Serbia, viene condannato in primo grado per lesioni personali. Dopo la sentenza di condanna, decide di appellarsi in secondo grado ma il suo ricorso viene respinto a causa delle continue assenze non giustificate durante il processo. Ritenendo di essere stato impossibilitato ad esercitare il suo diritto di difesa deposita un ricorso alla C. costituzionale federale, ma anche quest'ultimo viene respinto. Avendo esaurito le vie interne decide di adire la Corte di Strasburgo, che gli darà ragione.

Read More »
Scroll To Top