Home / Tag Archives: Art 3 CEDU (page 4)

Tag Archives: Art 3 CEDU

Feed Subscription

La Corte europea condanna la Romania per la storica repressione di Timişoara

La Corte europea condanna la Romania per la storica repressione di Timişoara

Alcuni cittadini rumeni, vittime o parenti di alcune vittime della repressione armata avvenuta durante le manifestazioni anti-comuniste, che si svolsero a Timişoara il 16 Dicembre 1989, presentano un ricorso contro la Romania presso la Corte Europea dei Diritto dell'Uomo per denunciare la lentezza e l'inefficacia delle indagini delle autorità rumene nel far luce e riscontrare le responsabilità per le violenze che subirono quel giorno dall'esercizt del regime di Nicolae Ceauşescu.

Read More »

Turchia. Nuova condanna per trattamenti inumani e degradanti.

Turchia. Nuova condanna per trattamenti inumani e degradanti.

In Turchia, il signor Ayhan Mimtaş, è trasferito da un carcere ad un'altra struttura di massima sicurezza di Kandira a Kocaeli. Scoppia una rivolta che viene duramente sedata dalla polizia.Un referto medico evidenzia sul corpo del signor Mimtaş segni evidenti di colluttazione, ma le sue denunce penali per accertare la responsabilità di tali presunti abusi non hanno seguito, almeno fino al ricorso davanti alla Corte Europea dei Diritti dell'uomo.

Read More »

Altra condanna per la Romania a causa delle sue carceri sovraffollate

Altra condanna per la Romania a causa delle sue carceri sovraffollate

Condizioni inumani e degradanti all'interno delle carceri rumene, un problema sempre presente tra i ricorsi promossi davanti alla Corte di Strasburgo. Quando si può affermare di aver superato gli standard minimi richiesti di civiltà all'interno di una cella e di aver determinato una condizione inumana e degradante? Con la sentenza Blejusca i giudici di Strasburgo applicano un principio di giurisprudenza ormai consolidato.

Read More »

Romania: la travagliata vicenda di un detenuto arriva dinanzi alla Corte EDU

Romania: la travagliata vicenda di un detenuto arriva dinanzi alla Corte EDU

Un cittadino rumeno, il signor Florin Nicolae Geanopol, detenuto nel carcere di Rahova cerca di far valere il suo diritto a poter scontare la propria pena in condizioni dignitose. Egli infatti cercò attraverso le vie giudiziarie interne di denunciare i maltrattamenti e la condiziona disumana di detenzione sofferta nel carcere, ma senza alcun esito positivo. La strada giusta per ottenere una risposta alla sua domanda di giustizia sarà il ricorso davanti alla Corte di Strasburgo, che accerterà una violazione dei diritti umani nel carcere rumeno.

Read More »

Polonia: la vulnerabilità di un detenuto è stata rispettata?

Polonia: la vulnerabilità di un detenuto è stata rispettata?

Il Sig. Zarzycki è un cittadino polacco che contesta, in violazione dell'Art 3 Cedu, le condizioni del suo stato di detenzione con riferimento alle cure apprestategli per la sua particolare condizione. Privo di entrambi gli avambracci, incontra serie difficoltà nello svolgere le attività più semplici della quotidianità.

Read More »

Lotta contro il cancro e muore in carcere. Turchia condannata.

Lotta contro il cancro e muore in carcere. Turchia condannata.

La signora Gülay Çetin, cittadina turca, accusata e condannata per omicidio, sconta la pena detentiva in carcere. Un fatale cancro la accompagna nella vita in detenzione: una malattia che la porterà alla morte anni dopo. Dinnanzi alla Corte Europea dei diritti dell'Uomo lei e i suoi eredi lamentano principalmente l'indifferenza delle autorità giudiziarie e carcerarie verso il suo stato di salute, alla stregua di trattamenti inumani e degradanti.

Read More »

Sovraffollamento e condizioni disumane nelle carceri: Romania condannata dalla CEDU

Sovraffollamento e condizioni disumane nelle carceri: Romania condannata dalla CEDU

Il sig. Stana è un cittadino rumeno, detenuto per 10 anni nel carcere di Colibasi, dove venne costretto a condividere la cella con altri 23 detenuti in condizioni degradanti e dove le sue condizioni di salute peggiorano, anche a causa del fumo passivo che respira ogni giorno. L'unica via per la giustizia sarà ricorre alla Corte EDU, che accerta una violazione dei suoi diritti, ottenendone un riscontro positivo.

Read More »

La vita in carcere è degradante per l’uomo: Russia condannata

Il sig.Zuyev si rivolge in Corte EDU per rivendicare il diritto ad una migliore condizione all'interno del carcere dal punto di vista igienico-sanitario. Il ricorrente ha insistito particolarmente nel sottolineare il problema del sovraffollamento carcerario, dell'impossibilità di avere una cuccetta individuale, con una turnazione per dormire e per lavarsi, in luoghi per altro estremamente angusti, poco puliti e curati nella manutenzione. Lo stato di degrado era totale e la denuncia del ricorrente riecheggiava nel tribunale come un vero urlo di disperazione.

Read More »

Yiulia TymoshenKo sarà curata in ospedale o tornerà in cella?

E’ ricoverata nell’ospedale di Kharkiv dal maggio scorso a causa di un’ernia al disco, e stando a quanto dicono i medici sarebbe impensabile una prematura uscita dalla clinica viste le condizioni di salute assai precarie in cui versa la Tymoshenko. Non è però dello stesso avviso il Ministero della Salute di Kiev, che in una nota esplicita la volontà di un immediato ritorno in carcere, dichiarando come ormai bastevoli le cure mediche.

Read More »
Scroll To Top