Home / Tag Archives: Art 1 Protocollo 1 (page 2)

Tag Archives: Art 1 Protocollo 1

Feed Subscription

Cecenia, scontro a fuoco coi militari russi: negozio in fiamme. Condannato il Cremlino

Nel pieno della così denominata seconda guerra cecena, il 27 luglio 2001 durante il passaggio di un carro armato russo ad Argun, si apre un conflitto a fuoco tra i militari ed un gruppo armato illegale non identificato e di lì a poco a causa della combustione di un serbatoio di carburante, divampa un violento incendio che non risparmia il laboratorio fotografico dei due ricorrenti, Il sig. Miltayev e la nipote Meltayeva.

Read More »

Azerbaijan. Lo stato ti “regala” una porzione di terreno togliendola al tuo vicino!

In Azerbaijan la proprietaria di un terreno subisce un provvedimento dello stato che ridefinendo i confini riduce sensibilmente e senza alcun motivo l'estensione del suo fondo, a vantaggio del terreno confinante. Dopo aver iniziato un'azione legale nei confronti dello Stato, il tribunale con una sentenza le da ragione e annulla l'atto con cui si predisponevano i nuovi confini tra i fondi. Ci sono voluti undici anni per dare esecuzione a questa sentenza, nel frattempo il diritto di proprietà del ricorrente è stato costantemente limitato e non tutelato

Read More »

La Corte EDU ritorna sui suoi passi: l’espropriazione in Lettonia era illegittima

L'espropriazione è un esempio del potere statuale, forse l'esempio più ricorrente e attuale. In Lettonia lo Stato espropria per costruire un porto, ma riconosce una compensazione minima ai proprietari dei terreni espropriati: valuta i terreni nel valore che avevano quando l'URSS li aveva nazionalizzati, cioè nel 1940! La vicenda giunge in CEDU e vive un'esperienza alterna: la Terza Sezione da ragione al Governo e nega qualunque violazione, la Grand Chamber - giudice di secondo grado - accerta la violazione e riconosce ai ricorrenti il valore reale dei propri terreni, ormai di proprietà statale.

Read More »

Sicilia: nessun indennizzo per l’occupazione d’urgenza. Condanna per l’Italia

Sicilia, una vicenda che ha richiesto per ben due volte, nel 2006 e nel 2012, la pronuncia della Corte EDU. I coniugi Spampinato sembrano lottare contro mulini a vento, subendo i riverberi di una Pubblica Amministrazione indolente ed una Giustizia italiana lenta e farraginosa. Paradossale quasi kafkiana l'occupazione del suolo privato, ben 3430 m², per motivi di pubblica utilità - la costruzione di una strada-, che come tale non è equipollente ad una sentenza di esproprio: un'occupazione senza alcun indennizzo.

Read More »

Italia condannata per aver ostruito la concessione delle frequenze televisive a Europa 7

Si è conclusa la vicenda giudiziaria decennale che vedeva protagonisti la tv Europa 7 e lo Stato italiano. Arriva così al suo epilogo una storia cominciata nel Luglio del 1999 quando Europa 7 ottenne la licenza per trasmettere sul territorio nazionale attraverso l'utilizzo di tre frequenze: peccato però che in undici anni non ha mai ottenuto queste frequenze su cui trasmettere!

Read More »

In Russia le autorità si perdono in un bicchier d’acqua

Vladivostok è una città della Russia orientale ubicata in prossimità del confine con Cina e Corea del Nord. Questa città che conta all’incirca 600.000 abitanti la si ricorda forse perché possiede il più grande porto russo sul Pacifico o magari perché è l’ultima fermata della celebre Ferrovia Transiberiana. Tuttavia nell’agosto del 2001 viene conosciuta per un’altra ragione: proprio in estate infatti è stata flagellata da una violentissima inondazione.

Read More »

Serbia condannata: nessuno sforzo per l’esecuzione di una sentenza

Ancora oggi in Serbia si accusano i contraccolpi della guerra etnica che sul finire del XX secolo ha devstato tragicamente per anni le vite di milioni di persone. Non a caso ci troviamo ad esaminare la vicenda di Amira Bobic, cittadina della Bosnia Erzegovina nata a Bijeljina nel 1957, che dal 1979 sino al 1992 lavora come ragioniere in una ditta di catering presso la sua città natale, oggi appartenente alla Repubblica Serba, da cui viene licenziata perché di origine bosniaca.

Read More »

Russia. Il risarcimento non puntuale è routine!

Una sentenza può giustamente accertare e riconoscere ai ricorrenti meriti, fatti, somme di danaro o situazioni favorevoli. Ma questo non ha nessun valore pratico se la sentenza non viene poi eseguita. E' il caso del signor Pellya al quale è stato riconosciuto un credito, ma...gli è stato versato con eccessivo ritardo.

Read More »

Russia: crac della banca Yurac, correntista si ribella

Vladimir Kotov, russo, residente a Krasnodar, si presenta allo sportello della banca Yurak e vi deposita una somma di denaro, allettato dalle condizioni offerte dalla banca che promette ai suoi correntisti interessi del 200%. Sei mesi dopo, la banca informa Kotov di aver modificato a ribasso il tasso di interesse del suo deposito; infuriato, Kotov chiede di chiudere il conto e pretende indietro la somma con gli interessi maturati, ma si sente rispondere che, al momento, la banca non ha fondi i sufficienti a liquidarlo. Kotov riceve solo 140 rubli, su 17.983

Read More »
Scroll To Top