Home / 2016 / aprile

Monthly Archives: aprile 2016

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 28/04/2016

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 28/04/2016

Quest'oggi la Corte europea dei diritti dell'uomo ha emesso 6 verdetti di condanna a carico di Italia, Germania, Lettonia, Macedonia e Ucraina. Sia l'Italia che la Germania cascano in tema di salvaguardia del rapporto genitore-figlio: sia per una madre italiana che per un padre tedesco la Corte di Strasburgo ha riscontrato, nei due distinti casi, una violazione del diritto al rispetto della vita familiare.

Read More »

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 21/04/2016

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 21/04/2016

Quest'oggi la Corte europea di Strasburgo ha emesso quattro verdetti di condanna a carico di Grecia, Albani e Bulgaria (due sentenze). Nel caso Ivanova e Cherkezov il diritto alla casa di due cittadini bulgari si è scontrato con la repressione degli abusi edilizi: il Giudice europeo dei diritti umani ha ritenuto in contrasto con la Convenzione europea la misura della demolizione della casa, unica abitazione dei ricorrenti, in difficoltà economiche: essa era sproporzionata poiché nessun giudice bulgaro aveva mai valutato e ponderato la difficile situazione personale dei ricorrenti, limitandosi tutti piuttosto ad un controllo meramente formale sulla (il)legalità della costruzione.

Read More »

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 12/04/2016

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 12/04/2016

Quest'oggi la Corte europea ha pronunciato verdetti di condanna a carico di Romani e l'Ungheria, mentre la Lituania è uscita indenne dal controllo europeo. In ben due pronunce il giudice dei diritti umani è ritornato sulla repressione sanguinaria della manifestazioni anticomuniste svolte in Romania nel 1989: nel caso Ecaterina Mirea ha accertato l'ineffettività delle indagini penali che avrebbero dovuto far luce su quegli episodi, mentre nel caso Ples ha riscontrato l'iniquità della pronuncia penale con la quale il giudice rumeno, condannati penalmente gli ufficiali responsabili, li aveva condannati civilmente a risarcire le vittime per i soli danni patrimoniali, e non anche di quelli non patrimoniali.

Read More »
Scroll To Top