Home / 2013 / ottobre (page 3)

Monthly Archives: ottobre 2013

Diagnosi preimpianto. Via libera a spese del Sistema Sanitario Nazionale

Diagnosi preimpianto. Via libera a spese del Sistema Sanitario Nazionale

Storica pronuncia del Tribunale di Roma: il giudice ha ammesso il ricorso alle tecniche di procreazione assistita e alla diagnosi genetica preimpianto a beneficio di una coppia,Rosetta Costa e Walter Pavan, che secondo la legge italiana non poteva accedervi. E' il primo caso in Italia di applicazione diretta ad opera di un giudice dei principi affermati in una sentenza della Corte Europea dei diritti dell'Uomo, la Costa e Pavan e altri c. Italia, ben nota anche all'opinione pubblica per il clamore mediatico e di cui è stata protagonista la stessa coppia che oggi si vede riconosciuto il diritto alla diagnosi preimpianto a spese del Servizio Sanitario Nazionale. Tutto questo a spese della Legge 40/2004 che è stata direttamente disapplicata dal giudice.

Read More »

Kasparov mette sotto scacco Putin: Russia condannata dalla Cedu

Kasparov mette sotto scacco Putin: Russia condannata dalla Cedu

Il campione di scacchi russo e altri militanti anti-Putin hanno vinto un ricorso contro la Russia davanti alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, che ha ritenuto l'arresto dei ricorrenti non proporzionale al fine di preservare l'ordine pubblico e in violazione degli art 10 e 11 della Convenzione che sancisce il diritto alla libertà di espressione e alla libertà di riunione.

Read More »

Il messaggio di Napolitano e la necessaria resa dello Stato

L’art. 87 della Costituzione prevede le prerogative del Presidente della Repubblica e, tra queste, la possibilità di “inviare messaggi alle Camere”. L’atto di Napolitano è - e non poteva essere diversamente - espressamente previsto dalla Legge, anzi addirittura dalla nostra Carta.

Read More »

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 08/10/2013

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 08/10/2013

La Corte Europea dei diritti dell'uomo ha pronunciato quest'oggi 15 sentenze. In particolare, ha riconosciuto in due casi, rispettivamente, l'Italia e la Turchia responsabili di aver represso la libertà d'informazione dei propri cittadini contro ogni impegno internazionale. Il caso italiano coinvolge Striscia La Notizia e il suo autore, Antonio Ricci, ricorrente a Strasburgo per riscattare due servizi mandati in onda nel 1996.

Read More »

Carcere disumano per il boss “inoffensivo”: Provenzano chiede i danni all’Italia

Carcere disumano per il boss “inoffensivo”: Provenzano chiede i danni all’Italia

I legali del di Bernardo Provenzano, boss di Cosa Nostra arrestato nel 2006 e da allora sottoposto al regime del 41bis, hanno presentato ricorso alla Corte di Strasburgo, lamentando nei confronti dell'Italia la violazione dell'Articolo 3 della Convenzione Europea (condizioni inumane e degradanti) circa la sua detenzione. Il boss ormai gravemente malato e, a detta dei legali, ormai inoffensivo, non meriterebbe un trattamento carcerario così duro.

Read More »

Romania: in carcere senza alcuna dignità

Romania: in carcere senza alcuna dignità

Il sig. Olariu è un cittadino romeno. Dopo anni di detenzione nel carcere di Iaşi ha fatto ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo per denunciare le condizione disumane in cui vive: celle troppo piccole per il numero di detenuti che contengono, spazi angusti e sporchi, cure mediche inadeguate e quasi inesistenti. La Corte ha riconosciuto la violazione dell'articolo 3 della Convenzione, ma ha ritenuto il ricorso irricevibile in relazione alle cure mediche, in quanto non è stato osservato il previo esaurimento dei ricorsi interni.

Read More »

Sangue infetto. La mancata rivalutazione dell’indennità integrativa speciale costituisce un’indebita interferenza dello Stato nei diritti inviolabili dei cittadini

Con la sentenza pilota adottata in data 3 settembre 2013 nel caso M.C. ed altri c. Italia (ricorso n. 5376/11), la CEDU afferma che la problematica attinente la mancata rivalutazione dell’indennità integrativa speciale, in favore di coloro che hanno subito contagi con sangue infetto, costituisce una violazione strutturale del sistema dei diritti umani ed ha invitato l’Italia a fissare un termine entro il quale dovrà provvedere, attraverso le pratiche legislative e amministrative più opportune, alla corretta rideterminazione di tale indennità (che serve, principalmente, a coprire le spese mediche) in favore di tutti i beneficiari.  

Read More »

Lo Stato deve garantire i crediti dei cittadini nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni. Note a margine dei casi De Luca e Pennino c. Italia

Con le sentenze rese nei casi De Luca contro Italia e Pennino contro Italia del 24 settembre 2013 la Corte Europea dei diritti dell'uomo ha esaminato il rapporto tra lo stato di dissesto di un ente locale e l’impossibilità di procedere in via esecutiva nei confronti dello stesso, per ottenere il soddisfacimento di crediti riconosciuti in sentenze pronunciate in suo danno.

Read More »

Nessuna responsabilità per diffamazioni altrui. Croazia condannata.

Nessuna responsabilità per diffamazioni altrui. Croazia condannata.

Un cittadino e politico croato, il signor Stojanović, viene condannato per diffamazione in seguito alla pubblicazione su un settimanale di due articoli contenenti sue dichiarazioni lesive della reputazione del Ministro della Salute del tempo.Tuttavia, il signor Stojanović nega di aver pronunciato quelle parole infamanti e lamenta che il contenuto degli articoli non corrisponde alle reali dichiarazioni da lui rilasciate. Ritiene di aver subito un’ingerenza nell’esercizio della sua libertà d’espressione e perciò invoca l’art 10 Cedu dinnanzi alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo.

Read More »
Scroll To Top