Home / 2013 / ottobre

Monthly Archives: ottobre 2013

Diritti d’Europa in finale al Premio Giuseppe Sperduti 2013!

Diritti d’Europa in finale al Premio Giuseppe Sperduti 2013!

I giornalisti di Diritti d'Europa sono finalisti del Premio Giuseppe Sperduti 2013. Il concorso si rivolge agli studenti delle università italiane impegnandoli nella simulazione di un processo davanti alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo e consiste in due fasi, una prima scritta e una seconda orale. La squadra dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, composta da Aurora Licci, Marco Occhipinti ed Elsa Pisanu, tutti redattori di Diritti d'Europa, ha superato la prova scritta e quindi si contenderà il primo posto con gli studenti della Università Bicocca di Milano. La fase orale si svolgerà a Roma il prossimo 10 Dicembre.

Read More »

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 29/10/2013

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 29/10/2013

Quest'oggi - Martedì 29 ottobre 2013 - la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo si è pronunciata su 10 casi. Il resoconto è di 8 sentenze di condanna per gli stati, nelle quali sono state accertate le responsabilità di Finlandia, Italia, Lettonia, Moldavia, Romania e Turchia nella violazione dei diritti umani sanciti dalla Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo.

Read More »

Luciano Moggi ricorre alla Corte di Strasburgo chiedendo i danni all’Italia

Luciano Moggi ricorre alla Corte di Strasburgo chiedendo i danni all’Italia

Luciano Moggi non si arrende, dopo aver esaurito i 3 gradi della giustizia ordinaria italiana ha deciso di ricorrere alla Corte di Strasburgo. Radiato dal mondo del calcio e con un procedimento penale ancora in corso, l'ex direttore generale della Juventus lamenta un gran numero di violazioni di norme Cedu durante il suo iter giudiziario. La mancanza di un equo processo e l'impossibilità di impugnare ad organi competenti le decisioni emesse dai tribunali sportivi sono il fulcro del ricorso in Cedu.

Read More »

Suicidio assistito: il caso Gross c. Svizzera dinanzi alla Corte di Strasburgo (nota alla sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo del 14/5/2013)

In data 14 Maggio 2013 la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo ha reso la decisione[ii] nel caso Gross c. Svizzera (ricorso n. 67810/10), nella quale ha affermato che la disciplina svizzera relativa al suicidio assistito viola l'art. 8 della C...

Read More »

Il caso Ilva approda anche a Strasburgo

Il caso Ilva approda anche a Strasburgo

Nel 2006, Giuseppina Smaltini, cittadina di Taranto, deposita un ricorso alla Corte Europea dei diritti dell'Uomo.E' malata di leucemia e denuncia che la sua malattia è stata causata dall'inquinamento dell'Ilva, la grande industria siderurgica ubicata nella sua città. Lamenta la violazione del suo diritto alla vita, che lo Stato non è stato in grado di proteggere: le autorità hanno infatti escluso che ci fosse un nesso di causalità tra emissioni e malattia. Lamenta anche la superficialità e l'inefficacia delle indagini dell'autorità giudiziaria: per ben due volte le sue denunce sono state rigettate per insufficienza di prove. Recentemente i giudici di Strasburgo hanno dichiarato il ricorso ricevibile e dunque lo vaglieranno nel merito.

Read More »

Passo indietro dalla Corte di Strasburgo: il massacro di Katyń resterà senza colpevoli

Passo indietro dalla Corte di Strasburgo: il massacro di Katyń resterà senza colpevoli

Il 21 Ottobre 2013, la Grande Camera si è pronunciata intorno alla vicenda del massacro della foresta Katyń, dove persero la vita 21857 cittadini polacchi per opera dell'Armata Russa, su ordine del dittatore comunista Stalin, durante la seconda Guerra Mondiale. Una sentenza importante sia per la vicenda oggetto del sindacato dei giudici di Strasburgo sia per l'esito, non favorevole per le vittime del massacro. Infatti la Grande Camera si è ritenuta incompetente a pronunciarsi sul caso, rigettando tutte le censure sollevate dai ricorrenti.

Read More »

“GO KILL YOURSELF”: EVEN MORE VICTIM BECAUSE OF CYBERBULLYING

“GO KILL YOURSELF”: EVEN MORE VICTIM BECAUSE OF CYBERBULLYING

nihihCyberbullying is bullying that takes place using electronic technology. Electronic technology includes devices and equipment such as cell phones, computers, and tablets as well as communication tools including social media sites, text messages, chat, and websites. When a child, preteen or teen is tormented, threatened, harassed, humiliated, embarrassed or otherwise targeted by another child, preteen or teen using these devices this is called Cyberbullying. Cyber bullying is often a systemic attempt to get another child or teen to feel bad about him or herself through electronic communication. It usually includes leaving demeaning messages on someone's Facebook page, uploading embarrassing photos, or spreading gossip or rumors through instant messaging and text messaging.

Read More »

La perquisizione non è un atto di guerra! La Bulgaria tre volte colpevole a Strasburgo

La perquisizione non è un atto di guerra! La Bulgaria tre volte colpevole a Strasburgo

Borislav Gutsanov è un noto politico socialista bulgaro. Nel 2010 è indagato e arrestato con l'accusa di abuso d’ufficio e appropriazione indebita: La polizia lo arresta all'alba con un vero e proprio blitz nel suo appartamento: durante la perquisizione, gli agenti incappucciati puntano costantemente le armi a lui e alla sua famiglia in un'atmosfera di terrore e ansia, accertata e condannata dai giudici della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo.

Read More »
Scroll To Top