Home / 2013 / aprile (page 5)

Monthly Archives: aprile 2013

Raggiunto l’accordo sull’adesione dell’Unione Europea alla Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo

Nella giornata di venerdì 5 aprile, si è concluso a Strasburgo il negoziato tra i rappresentanti dei 47 Stati Membri della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo e dell’Unione Europea, con l’adozione di una bozza di Accordo di Adesione dell’Unione alla CEDU. Si attende adesso l’esame del documento da parte della Corte di Giustizia dell’Unione Europea.

Read More »

Romania: quando in carcere la coperta è troppo corta, la CEDU condanna.

Romania: quando in carcere la coperta è troppo corta, la CEDU condanna.

Gavril Györgypal nel 2006 viene sottoposto a custodia cautelare poiché sospettato d'essere un trafficante di droga. Dapprima è condotto nel carcere di Miercurea Ciuc, dove è costretto a convivere insieme ad altre venticinque persone in una cella di 30 mq, sporca, con un'illuminazione insufficiente, e per giunta con il riscaldamento funzionante solo per tre ore al giorno. Viene poi trasferito nel carcere di Bucarest-Jilava e, stando alla denuncia del ricorrente, le celle erano infestate da pidocchi, cimici e ratti.

Read More »

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 09/04/2013

La pronunce di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. Fra le condanne, quella delle violenze perpetrate dalla Repubblica moldava nell'Aprile del 2009. Allora il paese era infuocato da proteste, al limite del colpo di Stato, e il Governo diede carta bianca alla repressione indiscriminata: fra le vittime di quelle violenze, anche un quindicenne, di ritorno dal compleanno di un coetaneo, colpevole di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. E di aver incontrato gli agenti sbagliati.

Read More »

Serbia: la verità sulla scomparsa di un figlio è celata in documenti mai ritrovati

Serbia: la verità sulla scomparsa di un figlio è celata in documenti mai ritrovati

In Serbia negli anni 80 furono molti i casi di neonati dichiarati falsamente morti in ospedale, ma in realtà scomparsi. Una normativa non adeguata ha permesso che i documenti relativi a queste morti siano incompleti, o addirittura mancanti. Per questo, tante famiglie non sapranno mai il reale destino dei loro bambini. Oggi Zorica Jovanović, ricorrendo alla CEDU per denunciare questa drammatica situazione, ha aperto un piccolo spiraglio di verità in questa oscura vicenda.

Read More »

Russia condannata per la scomparsa di un cittadino dopo un’arresto illegittimo

Russia condannata per la scomparsa di un cittadino dopo un’arresto illegittimo

Un cittadino russo, il sig. Yeraly Israilov , dopo essere stato arrestato improvvisamente in casa sua ed essere interrogato, scompare. Da quel giorno la moglie sta lottando per cercare la verità e ritrovare suo marito. Tra diversi ostacoli interni ed indagini inefficaci la sua determinazione la porterà a presentare un ricorso presso la Corte Europea al fine di tutelare la libertà violata di suo marito.

Read More »

La Corte europea condanna la Romania per la storica repressione di Timişoara

La Corte europea condanna la Romania per la storica repressione di Timişoara

Alcuni cittadini rumeni, vittime o parenti di alcune vittime della repressione armata avvenuta durante le manifestazioni anti-comuniste, che si svolsero a Timişoara il 16 Dicembre 1989, presentano un ricorso contro la Romania presso la Corte Europea dei Diritto dell'Uomo per denunciare la lentezza e l'inefficacia delle indagini delle autorità rumene nel far luce e riscontrare le responsabilità per le violenze che subirono quel giorno dall'esercizt del regime di Nicolae Ceauşescu.

Read More »

Turchia. Nuova condanna per trattamenti inumani e degradanti.

Turchia. Nuova condanna per trattamenti inumani e degradanti.

In Turchia, il signor Ayhan Mimtaş, è trasferito da un carcere ad un'altra struttura di massima sicurezza di Kandira a Kocaeli. Scoppia una rivolta che viene duramente sedata dalla polizia.Un referto medico evidenzia sul corpo del signor Mimtaş segni evidenti di colluttazione, ma le sue denunce penali per accertare la responsabilità di tali presunti abusi non hanno seguito, almeno fino al ricorso davanti alla Corte Europea dei Diritti dell'uomo.

Read More »

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 02/04/2013

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 02/04/2013

Questo Martedì è stata una giornata di sostanziale pareggio per l'Italia. Nel caso Tarantino and Others v. Italy, la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo ha salvato la legittimità dei test di ammissioni universitari, scagionando l'Italia dalle accuse di violazione del diritto all'istruzione; mentre, nel caso Angelo Caruso v. Italy, è stata condannata a risarcire quasi 9.000 € per un processo durato 14 anni!

Read More »
Scroll To Top