Home / 2013 / marzo (page 3)

Monthly Archives: marzo 2013

Germania. E’ ammissibile la detenzione preventiva di un tifoso violento?

Germania. E’ ammissibile la detenzione preventiva di un tifoso violento?

Calcio e violenze è un binomio frequente.In Germania, un tifoso di calcio considerato violento, il signor Ostendorf, viene sottoposto a detenzione preventiva e subisce il sequestro del telefono cellulare, per evitare che organizzi e partecipi a violenze tra hooligans di squadre avversarie durante una partita. Il tifoso una volta rilasciato denuncia alle autorità giudiziarie la illegittimità delle misure adottate nei confronti della sua persona, ma vengono tutte rigettate.

Read More »

Svezia: Anche la Corte Europea condanna il sito Pirate Bay

Svezia: Anche la Corte Europea condanna il sito Pirate Bay

Il ricorso alla Corte di Strasburgo non ha prodotto l'effetto sperato di ribaltare la sentenza emessa dai tribunali svedesi nei confronti dei fondatori del sito Pirate Bay. Per il famoso sito di condivisione online è stata confermata la violazione del diritto alla proprietà industriale, diritto ritenuto dalla Corte più importante rispetto alla libertà d'espressione invocata dai ricorrenti.

Read More »

Italia: Giornalisti in carcere per diffamazione? La Corte di Strasburgo è preoccupata

Italia: Giornalisti in carcere per diffamazione? La Corte di Strasburgo è preoccupata

L'Italia è un paese democratico eppure con una sua norma, quella relativa al reato di diffamazione, agisce come se si fosse in uno stato assoluto. La pena prevista per il reato è infatti il carcere, e ciò stride enormemente con la tutela del diritto alla libertà d'espressione ma è anche estremamente pericoloso per una intera categoria di professionisti: i giornalisti. Da questi presupposti, il Consiglio d'Europa ha fatto partire una indagine approfondita nei confronti del nostro paese.

Read More »

Critica politica e libertà d’espressione. Condannata la Francia

Critica politica e libertà d’espressione. Condannata la Francia

Nel 2008, in Francia, durante un corteo politico istituzionale, il signor Hervé Eon mostra un cartello offensivo indirizzato al Presidente della Repubblica Francese Sarkozy, con su scritto "Sparisci, idiota". Espressione che riprende quella utilizzata tempo prima dallo stesso Presidente per apostrofare un contadino che aveva rifiutato di stringergli la mano in occasione del Salon de L'agriculture. Viene arrestato, accusato di vilipendio della figura presidenziale e condannato ad ammende. Lamenta di aver subito la violazione del proprio diritto alla libertà d'espressione, tutelata all'art 10 CEDU.

Read More »

Lotta contro il cancro e muore in carcere. Turchia condannata.

Lotta contro il cancro e muore in carcere. Turchia condannata.

La signora Gülay Çetin, cittadina turca, accusata e condannata per omicidio, sconta la pena detentiva in carcere. Un fatale cancro la accompagna nella vita in detenzione: una malattia che la porterà alla morte anni dopo. Dinnanzi alla Corte Europea dei diritti dell'Uomo lei e i suoi eredi lamentano principalmente l'indifferenza delle autorità giudiziarie e carcerarie verso il suo stato di salute, alla stregua di trattamenti inumani e degradanti.

Read More »

The Case of Gozi Trojan Virus : Not all surprises are always beautiful even inviting

The Case of Gozi Trojan Virus : Not all surprises are always beautiful even inviting

As the ancient Greek legend of the fall of Troy, a Trojan Horse, as Gozi , is a malicious piece of software which requires users to invite it in, and is therefore disguised as something else. “Gozi” was and is nowadays a Trojan virus or “malware” which injects fields into websites of financial institutions without their knowledge and that steals personal bank account information, including usernames and passwords creating back doors, a real good way for cybercriminals to trick people into thinking they are getting answers from genuine and serious financial companies.

Read More »

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 14/03/2013

La Corte di Strasburgo ha oggi esaminato 13 casi, riconoscendo violazioni della CEDU in 12 di questi. Fra le condanne, anche una per la Francia: nel caso Eon v. France è stata bocciata la sentenza dei giudici francesi con cui si condannava un manifestante per aver rivolto a Sarkozy le parole "Sparisci, cazzone triste", ossia quelle stesse parole che il Presidente francese aveva indirizzato, in altra occasione, ad un contadino che rifiutava di stringergli la mano!

Read More »

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 12/03/2013

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 12/03/2013

Quest'oggi la Corte di Strasburgo è giunta ad accertare le violazioni dei diritti sanciti dalla CEDU in ben 9 casi sui 10 esaminati. Condannata anche l'Italia, per aver espropriato un terreno senza pagare nulla al proprietario, e la Turchia, per l'uccisione di un passante, estraneo alla manifestazione, colpito dagli spari di un agente della polizia.

Read More »
Scroll To Top