Home / 2013 / gennaio (page 2)

Monthly Archives: gennaio 2013

Carceri, Strasburgo condanna l’Italia: “Violati diritti detenuti,trattamento inumano”

Come possiamo ritenerci un paese civile se non abbiamo delle carceri civili? E' questa la domanda che dobbiamo porci dopo la condanna inflitta all'Italia dalla Corte di Strasburgo. A causa del sovraffollamento delle nostre strutture penitenziarie, all'interno delle celle, angusti e arrangiati spazi di 9 metri quadrati, vengono rinchiusi infatti fino a 3 detenuti, determinando quindi la mancanza di quei requisiti minimi sanciti dalla Corte europea dei diritti dell'Uomo.

Read More »

Sulla responsabilità degli Stati membri discendente da violazioni imputabili alle giurisdizioni nazionali. A proposito della sentenza Traghetti del Mediterraneo della Corte di giustizia delle Comunità europee

Con il caso in esame la Corte di giustizia ha avuto l'occasione di precisare la portata del principio di responsabilità dello Stato membro per i danni causati in caso di violazione del diritto comunitario imputabile ad una decisione di una giurisdizione suprema.

La decisione mette in luce la volontà dell’organo giurisdizionale di Lussemburgo di proseguire nell’itinerario, intrapreso già con le note precedenti decisioni in materia.

Read More »

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 15/01/2013

Questo Martedì - 15/01/2013 - la Corte Europea dei diritti dell'uomo ha deciso 17 casi, accertando la violazione della Convenzione Europea da parte degli stati nazionali in 15 di essi. Fra questi, nel caso Eweida and Others v. the United Kingdom è stata chiamata a giudicare sulla libertà - e sui suoi limiti - di indossare a lavoro simboli religiosi e di rifiutare atti contrari ai propri valori, da parte di 4 praticanti cattolici: una dipendente Airways, una infermeria geriatrica, una impiegato presso il Registry of Births Deaths and Marriages e un counsellor nelle relazioni di coppia.

Read More »

L’evoluzione dei diritti fondamentali nell’Unione Europea

Prima del trattato di Lisbona, l’Unione Europea (UE) non ha mai avuto un catalogo esaustivo relativo ai diritti fondamentali e le uniche fonti esistenti erano costituite dai principi costituzionali che caratterizzavano gli stati membri e dalla Conven...

Read More »

Quando l’adozione è all’insaputa della madre. Condannata la Croazia

Quando l’adozione è all’insaputa della madre. Condannata la Croazia

Quella di A.K. è la storia di una madre che dopo aver perso tutti i diritti su suo figlio L. decide di ricorrere a Strasburgo perché, ancor prima del tentativo di ripristinare i suoi diritti, suo figlio viene dato in adozione a sua insaputa e senza che lei riesca a comprendere a pieno in che modo si è giunti fino a quel punto.

Read More »

Georgia: le condizioni disumane del carcere mettono a rischio la vita di un tossicodipendente

Georgia: le condizioni disumane del carcere mettono a rischio la vita di un tossicodipendente

Il sig. Davit Jashi nel marzo 2005 è stato condannato a 2 anni di carcere per traffico di droga. Durante l'esecuzione della pena è stato sottoposto più volte a delle perizie mediche/psichiatriche ed è stato in seguito trasferito presso il National Forensic Bureau, dove le sue condizioni già cagionevoli si sono aggravate. Nel pieno disinteresse delle autorità competenti il cittadino georgiano decide di interpellare i giudici di Strasburgo che ridaranno dignità al suo diritto alla salute.

Read More »

Lungaggini per un ricongiungimento familiare: la Turchia viola la CEDU

Il Signor Haluz Özmen vive attualmente a Samsun cittadina turca. Decide di rivolgersi in Corte EDU per rivendicare la violazione di alcuni diritti relativi al rispetto della vita privata e familiare. Dopo aver divorziato dalla moglie gli viene assegnata la potestà genitoriale della figlia, ma le autorità turche non garantiscono al ricorrente i suoi diritti. Per questi motivi si rivolge in Corte Edu che decreta la violazione della Convenzione da parte del governo turco.

Read More »

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 10/01/2013

10 gennaio 2013 - La Corte Europea dei diritti dell'uomo ha deciso oggi 11 casi, riscontrando che in ben 8 casi su dieci gli Stati nazionali hanno violato la Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU). Violazioni riscontrate quindi per Belgio - 3 condanne per cattive condizioni di detenzione e procedimenti penali iniqui - per Francia - 3 condanne per insufficienti motivazioni delle sentenze della Corte d'Assise - e per Ucraina - 2 condanne per processi non equi.

Read More »

Turchia: la censura governativa colpisce ingiustamente il blog di un ricercatore universitario

Turchia: la censura governativa colpisce ingiustamente il blog di un ricercatore universitario

In Turchia il blog di un ricercatore di Ingegneria informatica viene bloccato dal provvedimento del tribunale di Denizli perché doveva impedire l'accesso di un sito contenente materiale offensivo della figura dell'eroe turco Atatürk, su richiesta della Presidenza delle telecomunicazioni ed informatica. Dinanzi all'impossibilità di accedere ed utilizzare il suo blog, il ricercatore cerca di appellarsi al provvedimento in questione, ma senza trarne alcun risultato. La sua richiesta di giustizia verrà infine accolta dalla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, che tutelerà il suo diritto alla libertà di espressione.

Read More »

Nel caso Torreggiani e altri c. Italia, la C.E.D.U. condanna l’Italia per il sovraffollamento carcerario: violato l’articolo 3 della Convenzione

Strasburgo, 9 gennaio 2013 – Con sentenza dell’8 gennaio 2013, la C.E.D.U ha deciso nel caso Torreggiani e altri c. Italia, intervenendo nuovamente in materia di sovraffollamento carcerario. Con questa sentenza-pilota emessa ai sensi dell&#821...

Read More »
Scroll To Top