Home / 2012 / aprile

Monthly Archives: aprile 2012

Ucraina: quale libertà per chi è prigioniero della propria mente?

Che tutela ha un soggetto affetto da devianze o disturbi mentali nel caso di ripetuti ricoveri? È sempre facile distinguere il labile confine che passa tra la necessità di un trattamento obbligatorio e la privazione della libertà personale? Sono domande che ci si pone analizzando il caso della sig.ra M, affetta da un disturbo mentale che la portava ad assumere comportamenti aggressivi.

Read More »

Corte Penale Internazionale, ICC

La Corte Penale Internazionale, con l'acronimo inglese ICC “International Criminal Court”, è la prima corte penale internazionale indipendente, basata su un trattato, realizzata per porre fine all’impunità di soggetti che si macchiano dei più gravi crimini che concernono la comunità internazionale: ossia genocidio, i crimini contro l'umanità e i crimini di guerra, e in futuro anche i crimini di aggressione.

Read More »

In Azerbaijan i lividi non bastano: giornalista picchiata da un Colonnello.

In Azerbaijan per amore dell’informazione qualche giornalista rischia ancora di esser presa a manganellate dalla polizia, e per quanto l'episodio si sia verificato in una piazza affollatissima, dunque sotto gli occhi di tutti, nonostante le fotografie scattate, che denotano chiaramente l'aggressione da parte del Colonnello C.M., la Rizvanov non riuscirà a provare i detti fatti nè nel processo penale, nè in quello civile.

Read More »

Quale genere di pena per chi soffre di disturbi borderline? La Germania sbaglia risposta

B è un soggetto problematico: il suo profilo psicologico è difficile da delineare persino per i medici. Nel 1999 commette uno stupro di una giovane autostoppista, che obbliga e immobilizza minacciandola con una pistola. Nel 2000 arriva la condanna in carcere. Ma dopo la conclusione della pena, farlo uscire dal carcere costa caro ai giudici: a parere degli psichiatri c'è un rischio di nuovi reati pari al 95%...

Read More »

Turchia: quale giustizia in un processo di 15 anni senza contraddittorio?

Il Sig.Ҫatal vive un'esperienza giudiziaria di 15 anni e,ricorso a Strasbrugo, vede la Turchia condannata di ben 4 violazioni. Nonostante la Turchia abbia fatto numerosi passi avanti e notevoli sforzi per adeguare la sua legislazione agli standard europei, la messa a punto del sistema deve ancora seguire, per definirsi in linea coi minimi democratici, un percorso necessario e lungo (speriamo almeno non quanto i sui processi.)

Read More »

Macedonia: barista vittima di un agente ubriaco in servizio

Erano le circa le 3,30 di notte quando nel bar di Georgiev entra l'agente R. D. Portava la divisa, perchè aveva abbandonato volontariamente il posto di lavoro, senza aver riferito a nessuno del suo spostamento. Ubriaco spara a poco più di un metro con la pistola ufficiale al barista. Oggi la Corte EDU attesta la violazione del diritto alla vita e chiama a rispondere non solo l'agente ma anche la Macedonia.

Read More »

Legge n. 9 del 17 febbraio 2012 e “superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari”: tutto cambia perché tutto (o quasi) resti uguale

Ragionando su malattia mentale e diritto, ci si rende rapidamente conto di essere in presenza di due diverse e spesso contrapposte esigenze di tutela: da una parte vi è l’interesse della collettività a essere messa al riparo da comportamenti pericolosi, dall’altra vi è l’interesse individuale dei malati ad essere curati, a ricevere trattamenti non discriminatori, al riconoscimento e al rispetto dei propri diritti costituzionali in generale, non ultimo quello alla libertà.

Read More »

What do you mean when you say rich?

Cosa vi viene in mente quando sentite la parola ricchezza? E cosa significa nel profondo per voi la parola ricchezza? È possibile che anche le istituzioni economiche e sociali si siano accorti dell’esigenze di un ripensamento sul concetto di ricchezza? Andando ancora avanti a PIL e 7 e 30 si rischia di affondare!

Read More »

Onu e libertà di espressione: quando sono gli altri a vincere!

Eynulla Fatullayev, 35 anni, è giornalista e attivista per i diritti umani dell'Azerbaijan, nonchè vincitore del premio “Guillermo Cano World Press Freedom Prize” promosso dall’Onu e dall’UNESCO in memoria del giornalista colombiano ucciso nel 1987 per aver denunciato potenti baroni della droga nel suo paese.

Read More »
Scroll To Top