Home / Categorie Violazioni CEDU / Sistema CEDU (page 5)

Sistema CEDU

Feed Subscription

La Slovacchia condannata a Strasburgo per processi infiniti

Imrich Zborovský e il František Zborovský sono due fratelli slovacchi, sostengono che la risoluzione della loro controversia da parte dei giudici nazionali e il rifiuto dei loro ricorsi costituzionali siano incompatibili con i propri diritti ai sensi dell' Art. 6 Cedu (Equo processo) e Art. 1 del Protocollo n° 1 (Tutela della proprietà).

Read More »

Portogallo: Otto anni per un procedimento giudiziario sono troppi!

Si è finalmente conclusa la vicenda di una famiglia portoghese che ha cercato di ottenere , per ogni grado di giudizio, il giusto risarcimento per la morte del figlio. Il procedimento è durato otto anni, un tempo considerato troppo lungo e che ha spinto il padre della vittima a rivolgersi alla Corte CEDU lamentando la violazione dell’Art.6 Cedu

Read More »

Ucraina: nella ricerca della verità la giustizia calpesta i diritti

In Ucraina al sig Titarenko, colpevole di aver rapinato una signora e di aver ucciso e tentato di uccidere degli Agenti di Polizia con Kalashnikov e bombe, è applicata una misura cautelare, eccessivamente prolungata; subisce violenze da parte dei poliziotti penitenziari, limitazioni nelle visite del suo legale e dei suoi familiari. Nella ricerca della verità la giustizia ha calpestato dei diritti.

Read More »

Sicilia: nessun indennizzo per l’occupazione d’urgenza. Condanna per l’Italia

Sicilia, una vicenda che ha richiesto per ben due volte, nel 2006 e nel 2012, la pronuncia della Corte EDU. I coniugi Spampinato sembrano lottare contro mulini a vento, subendo i riverberi di una Pubblica Amministrazione indolente ed una Giustizia italiana lenta e farraginosa. Paradossale quasi kafkiana l'occupazione del suolo privato, ben 3430 m², per motivi di pubblica utilità - la costruzione di una strada-, che come tale non è equipollente ad una sentenza di esproprio: un'occupazione senza alcun indennizzo.

Read More »

Governo mente su trattamenti disumani: Moldavia condannata

In Moldavia i detenuti sopportano e subiscono i risultati di politiche incuranti circa i diritti umani. In Moldavia in detenuto può ancora scontare la sua pena in una cella di 7 metri quadrati, insieme ad altre nove persone, per giunta in completa asssenza di cure mediche e sanitarie. Invane le denunce.

Read More »

Espulsione dall’Italia: Mannai rischia la tortura in Tunisia

Il carcere in alcuni casi può essere visto come una pena severa, ma ci possono essere situazioni in cui espiare la propria pena all'interno di un istituto di sicurezza sembra niente e diventa preferibile rispetto a quello che può succedere in un paese come la Tunisia in cui la tortura e la violenza vengono utilizzati per combattere i sospettati o gli autori di reati.

Read More »

Polizia: torture arbitrarie, nessun procedimento, Russia Condannata.

A Mosca, un cittadino ucraino, il Sig. Mogilat aiutato da un complice tenta di rubare un'auto. Viene immediatamente arrestato e condotto in carcere, luogo in cui verrà ammanettato e picchiato dalle guardie carcerarie. Le prime perizie mediche però non confermano ciò, sostenendo anzi che la detenzione sarebbe potuta proseguire tranquillamente..

Read More »

Grecia: Il diritto al voto prima riconosciuto e poi negato

Sitaropoulos e Giakoumopoulos sono due cittadini greci, funzionari europei. Si rivolgono alla Corte di Strasburgo sostenendo che l’impossibilità di votare dall’estero è espressione di un’ingerenza sproporzionata nell’esercizio di una delle libertà fondamentali delle democrazie moderne. La Corte riunita in Grande Camera esonera lo Stato greco dall’obbligo di prevedere espresse disposizioni legislative per l’esercizio del diritto di voto al di fuori dei territori nazionali.

Read More »
Scroll To Top