Home / Categorie Violazioni CEDU (page 30)

Categorie Violazioni CEDU

Feed Subscription

Turchia finanziamento ai partiti? Al 7%: è la soglia più alta d’Europa!

Tutta L'Europa è paese, soprattutto se parliamo di rimborsi o sovvenzionamenti elettorali. Anche in Turchia si affronta il problema del "partito piccolo" che non potendo giovare del danaro pubblico è costretto a soccombere e ad avere bassissima risonanza in periodo di campagna elettorale. La rappresentanza politica sarà compromessa dal sorgere di monopoli paritici? Alla Corte EDU l'ardua sentenza.

Read More »

Turchia. Sospettato di reato,rimane in carcere preventivamente per otto anni!

Viene considerato assieme ad altre sette persone come il possibile autore di reati nei confronti dello stato turco, il suo ruolo di sospettato rimane tale per otto anni, il tempo necessario a concludere il procedimento giudiziario. Nel frattempo viene detenuto in un carcere turco e ogni sua richiesta di scarcerazione viene puntualmente respinta. Condannato prima di essere giudicato.

Read More »

Ucraina: la testardaggine della Corte Suprema che dilata i tempi della Giustizia

Ucraina: la testardaggine della Corte Suprema che dilata i tempi della Giustizia

In Ucraina una società a responsabilità limitata - Veritas Firma, TOV - deposita un reclamo contro una società debitrice per richiedere la riscossione di un titolo di credito. Le corte di primo e secondo grado confermano la richiesta della società creditrice ma nel giudizio di legittimità la Corte Suprema respinge la pretesa per molteplici volte. Da qui la macchina della giustizia inizia ad incepparsi.

Read More »

Albania: è fondamentale la presenza dell’imputato in aula?

La violazione del diritto all’equo processo (Art 6 Cedu) è una violazione molto diffusa tra i 47 stati contraenti la convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali. Questa volta a cadere nella tela del ragno è stata l’Albania.

Read More »

Presunta omofobia in Svezia: La CEDU rigetta un ricorso per violazione della libertà di espressione

Quattro cittadini svedesi distribuiscono volantini in una scuola in cui definiscono l'omosessualità come una tendenza sessuale deviante, con effetti distruttivi sulla società e responsabile dello sviluppo dell’infezione da HIV. Successivamente, i quattro si difendono dalle accuse di omofobia, sostenendo che il loro era quello di avviare un dibattito sulla mancanza di obiettività nella formazione nelle scuole svedesi.

Read More »

Ucraina, dietro le sbarre..le barriere!

In Ucraina un detenuto ucraino ha denunciato sia le restrizioni imposte alla sua famiglia durante il momento delle visite in carcere, sia le restrizioni attuate dalle autorità carcerarie che monitoravano la sua corrispondenza.

Read More »

Il Caso Giuliani davanti alla Corte EDU : La sua morte è “trattamento disumano”?

In uno scontro tra i manifestanti e dei carabinieri, da dentro una jeep il carabiniere Mario Placanica, 20 anni, spara e uccide un manifestante, Carlo Giuliani 23 anni. Dopo i vari gradi di giudizio interno, i famigliari del ragazzo ucciso fanno ricorso alla Corte europea dei diritti umani che nel giudizio in Grande Camera darà una sua spiegazione a questa inconcepibile morte.

Read More »

Negato l’asilo politico in Svezia: il Burundi ormai è una terra sicura!

Il sig. H.N. è un cittadino burundese, lo Stato svedese non ha ritenuto fondata la sua richiesta di asilo politico. Sicuramente arriva coraggiosa questa sentenza della Corte Edu, per la rassicurante situazione che delinea del Burundi d'oggi. Si può certo dire che il clima non è apocalittico, e che a parte qualche focolaio ancora acceso di faide trasversali, chiusure di vecchi conti etnici, l'eco di grida ad un passo dalla morte non disturba più le impietosite coscienze del Vecchio Continente.

Read More »

Bulgaria : un diritto di proprietà che cerca attenzione da 25 anni

Bulgaria : un diritto di proprietà che cerca attenzione da 25 anni

Una diatriba giudiziaria tra un diritto di proprietà ovvero il diritto di usufruire del proprio terreno e un ordinanza del sindaco che predispone la sospensione della costruzione e la sua demolizione. Elemento caratterizzante di questa vicenda, oltre l'irragionevole durata dei due gradi di giudizio, è una giustizia lente e inefficiente.

Read More »
Scroll To Top