Home / Categorie Violazioni CEDU (page 20)

Categorie Violazioni CEDU

Feed Subscription

Carceri, Strasburgo condanna l’Italia: “Violati diritti detenuti,trattamento inumano”

Come possiamo ritenerci un paese civile se non abbiamo delle carceri civili? E' questa la domanda che dobbiamo porci dopo la condanna inflitta all'Italia dalla Corte di Strasburgo. A causa del sovraffollamento delle nostre strutture penitenziarie, all'interno delle celle, angusti e arrangiati spazi di 9 metri quadrati, vengono rinchiusi infatti fino a 3 detenuti, determinando quindi la mancanza di quei requisiti minimi sanciti dalla Corte europea dei diritti dell'Uomo.

Read More »

Quando l’adozione è all’insaputa della madre. Condannata la Croazia

Quando l’adozione è all’insaputa della madre. Condannata la Croazia

Quella di A.K. è la storia di una madre che dopo aver perso tutti i diritti su suo figlio L. decide di ricorrere a Strasburgo perché, ancor prima del tentativo di ripristinare i suoi diritti, suo figlio viene dato in adozione a sua insaputa e senza che lei riesca a comprendere a pieno in che modo si è giunti fino a quel punto.

Read More »

Georgia: le condizioni disumane del carcere mettono a rischio la vita di un tossicodipendente

Georgia: le condizioni disumane del carcere mettono a rischio la vita di un tossicodipendente

Il sig. Davit Jashi nel marzo 2005 è stato condannato a 2 anni di carcere per traffico di droga. Durante l'esecuzione della pena è stato sottoposto più volte a delle perizie mediche/psichiatriche ed è stato in seguito trasferito presso il National Forensic Bureau, dove le sue condizioni già cagionevoli si sono aggravate. Nel pieno disinteresse delle autorità competenti il cittadino georgiano decide di interpellare i giudici di Strasburgo che ridaranno dignità al suo diritto alla salute.

Read More »

Lungaggini per un ricongiungimento familiare: la Turchia viola la CEDU

Il Signor Haluz Özmen vive attualmente a Samsun cittadina turca. Decide di rivolgersi in Corte EDU per rivendicare la violazione di alcuni diritti relativi al rispetto della vita privata e familiare. Dopo aver divorziato dalla moglie gli viene assegnata la potestà genitoriale della figlia, ma le autorità turche non garantiscono al ricorrente i suoi diritti. Per questi motivi si rivolge in Corte Edu che decreta la violazione della Convenzione da parte del governo turco.

Read More »

Turchia: la censura governativa colpisce ingiustamente il blog di un ricercatore universitario

Turchia: la censura governativa colpisce ingiustamente il blog di un ricercatore universitario

In Turchia il blog di un ricercatore di Ingegneria informatica viene bloccato dal provvedimento del tribunale di Denizli perché doveva impedire l'accesso di un sito contenente materiale offensivo della figura dell'eroe turco Atatürk, su richiesta della Presidenza delle telecomunicazioni ed informatica. Dinanzi all'impossibilità di accedere ed utilizzare il suo blog, il ricercatore cerca di appellarsi al provvedimento in questione, ma senza trarne alcun risultato. La sua richiesta di giustizia verrà infine accolta dalla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, che tutelerà il suo diritto alla libertà di espressione.

Read More »

Azerbaijan. Lo stato ti “regala” una porzione di terreno togliendola al tuo vicino!

In Azerbaijan la proprietaria di un terreno subisce un provvedimento dello stato che ridefinendo i confini riduce sensibilmente e senza alcun motivo l'estensione del suo fondo, a vantaggio del terreno confinante. Dopo aver iniziato un'azione legale nei confronti dello Stato, il tribunale con una sentenza le da ragione e annulla l'atto con cui si predisponevano i nuovi confini tra i fondi. Ci sono voluti undici anni per dare esecuzione a questa sentenza, nel frattempo il diritto di proprietà del ricorrente è stato costantemente limitato e non tutelato

Read More »

Bulgaria: Una madre lotta contro le violenze del marito sulla famiglia

Bulgaria: Una madre lotta contro le violenze del marito sulla famiglia

Una cittadina brasiliana, la sig.ra Ivana Meirelles, convive nella casa del suo compagno e danno alla luce un figlio. Ma la vita coniugale della coppia è stata resa impossibile a causa del carattere violento del marito; finché un giorno la moglie decide di non subire più passivamente le sue violenze e inizia una battaglia legale per l'affidamento del figlio che porterà il caso, non trovando una chiara soluzione interna, dinanzi ai giudici della corte di Strasburgo.

Read More »

Bulgaria e carceri. Ancora violazioni del diritto dei detenuti: condanna da Strasburgo

Bulgaria e carceri. Ancora violazioni del diritto dei detenuti: condanna da Strasburgo

Un cittadino bulgaro, il signor Yordan Kirchev Vuldzhev, si trova in carcere per scontare una pena comminata per furto. La situazione all'inteno della prigione non è semplice: la corrispondenza tra lui e il suo avvocato viene sistematicamente monitorata dagli agenti penitenziari. Decide dunque di ricorrere alla Corte Europea dei diritti dell'uomo lamentando la violazione sistematica del suo diritto al rispetto della corrispondenza tutelato nell'art 8 CEDU.

Read More »

Moldavia: una donna resa sterile a causa di un errore medico

Moldavia: una donna resa sterile a causa di un errore medico

In Moldavia l'inesperienza di un giovane medico durante un parto causerà la sterilità di una donna sottoposta poi ad un travaglio sia fisico, accusando i sintomi di un disturbo post-traumatico da stress oltre di menopausa precoce, che giudiziario. Infatti per vie giudiziarie interne alla donna verrà riconosciuto un risarcimento irrisorio; solo i giudici della corte di Strasburgo stabiliranno un indennizzo più equo alla violazione subita dalla donna.

Read More »

Lituania: anche poche ore di detenzione illegittima violano la Convenzione Europea!

Anche poche ore di detenzione illegittima possono causare grandi sofferenze per una persona. Lo sa bene Maryte Venskutė, cittadina lituana, che si vede prelevata dal proprio posto di lavoro e posta sotto arresto arbitrariamente da parte di agenti della Guardia Nazionale di Frontiera per una presunta accusa di frode. Il giorno dopo viene rilasciata dalla detenzione per insufficienza di prove, ma la privazione della libertà subita la vedrà protagonista di una vicenda giudiziaria, giunta fino alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo.

Read More »
Scroll To Top