Home / Categorie Violazioni CEDU

Categorie Violazioni CEDU

Feed Subscription

Natale in cella per quattro ugandesi: l’Italia condannata nel caso Yaw e altri

Natale in cella per quattro ugandesi: l’Italia condannata nel caso Yaw e altri

Nel caso Yaw e altri c. Italia, la Corte di Strasburgo è stata chiamata a pronunciarsi sull'ingiusta detenzione subita da quattro cittadini ugandesi presso il CIE di Ponte Galeria, a Roma: essi sono stati detenuti per 26 giorni in virtù di un provvedimento del Giudice di Pace incostituzionale e in contrasto con la giurisprudenza consolidata della Corte di Cassazione. Il Giudice europeo ha inoltre ritenuto ineffettivi i rimedi interni offerti dall'ordinamento italiano a riparazione dell'ingiusta detenzione subita dai ricorrenti.

Read More »

Ricorso per cassazione inammissibile? La CEDU esclude l’eccessivo formalismo in Trevisanato c. Italia

Ricorso per cassazione inammissibile? La CEDU esclude l’eccessivo formalismo in Trevisanato c. Italia

Nel caso Trevisanato c. Italia, la Corte europea dei diritti dell’uomo è stata chiamata a valutare se la Corte di Cassazione italiana avesse fatto un’applicazione delle norme processuali eccessivamente formale: sotto inchiesta era la condizione di inammissibilità, prevista dall’art. 166bis del c.p.c. (oggi abrogato dalla riforma del 2009) che imponeva ai ricorrenti di chiudere i propri ricorsi con la formulazione un quesito di diritto. La Corte di Strasburgo ha però accertato una non violazione, negando che la condizione di ammissibilità, proporzionata e rivolta ad uno scopo legittimo, avesse violato il diritto di accesso ad un tribunale del ricorrente.

Read More »

Crisi nella Turchia di Erdogan si deroga alla Convenzione europea: non è un Paese per i diritti umani

Crisi nella Turchia di Erdogan si deroga alla Convenzione europea: non è un Paese per i diritti umani

Lo scorso 15 luglio diversi esponenti delle forze armate turche hanno tentato di rovesciare il Governo turco con un golpe militare, conclusosi però col loro fallimento. Sono morte almeno 208 persone e 1400 ferite; 24 golpisti linciati dalla folla. Ma a tale colpo di stato, mal organizzato, ne è seguito un altro, in netto contropiede e di altra fattura: negli ultimi 10 giorni abbiamo assistito alla cruda e totalitaria reazione del presidente turco Erdogan contro le istituzioni pubbliche, le figure chiave della funzione pubblica e la società civile per una recrudescenza autoritaria e antidemocratica dello Stato turco.

Read More »

Rusu c. Romania – Rettifica sì o rettifica no?

Rusu c. Romania – Rettifica sì o rettifica no?

Rusu c. Romania – Rettifica sì o rettifica no? La pubblicazione della lettera di smentita del (padre del) diffamato non basta come rettifica Nel caso Rusu c. Romania un giornalista rumeno ha lamentato la violazione della sua libertà d’espressione in ragione della sua condanna ...

Read More »

La dimensione europea del d.d.l. Cirinnà: una storica conquista di civiltà o una vittoria mutilata che ci allontana dall’Europa?

La dimensione europea del d.d.l. Cirinnà: una storica conquista di civiltà o una vittoria mutilata che ci allontana dall’Europa?

La recente approvazione del d.d.l. Cirinnà al Senato costituisce un importante passo in avanti verso il riconoscimento giuridico delle c.d. unioni civili in Italia. Un intervento legislativo atteso da molti anni e che dovrebbe rispondere alle speranze e al desiderio di diritti di molti cittadini, omosessuali e non. Ma questo progetto di legge è davvero una svolta epocale per il nostro ordinamento giuridico - come emerge dalla narrazione politica - o è solo un passaggio obbligato da fattori contingentati? Quanto è evidente una dimensione europea nella fisionomia di questo progetto di legge? Che ruolo ha svolto l'evoluzione giurisprudenza della Corte Edu in questo ambito? Interrogativi cui necessariamente si deve dare una risposta per poter comprendere la vera essenza di questo passaggio politico.

Read More »

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 23/02/2016

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 23/02/2016

Quest'oggi la Corte europea si pronuncia su vari casi accertando la violazione per Russia, Turchia; Non ammette la violazione invece per l'Olanda in un ricorso sul diritto a scegliere la propria residenza. Nel caso Nasr e Ghali c. Italia condanna l'Italia nella vicenda di Abu Omar divenuto imam di Milano nel 2001: per i Giudici di Strasburgo c'è violazione dell'art.3 CEDU (trattamenti inumani e degradanti) oltre che per l'art.8 (rispetto della vita privata e familiare e dell'art.13 diritto ad un ricorso effettivo.

Read More »

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 18/02/2016

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 18/02/2016

Quest'oggi la Corte europea ha solleva la Germania dalla responsabilità, della violazione, ex art.5 CEDU. Il caso riguarda la condanna a quattro anni e sei mesi del signor Bludorn, inflitta per stupro e lesioni; ammonisce il Liechtenstein per l'eccessiva durata del procedimento che integra la violazione dell'art.6 CEDU, e prevede così per il ricorrente, a titolo di equa soddisfazione 6000 euro e 2500 euro per costi e spese. Il Regno Unito invece incorre nella violazione dell'art.5§4 CEDU rispetto ad una istanza di revisione della detenzione decisa in tempi troppo lunghi, che hanno violato il diritto alla libertà e alla sicurezza.

Read More »

Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 09/02/2016

Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 09/02/2016

Quest'oggi la Corte europea dei diritti dell'uomo si è pronunciata su nove casi: condanna la Russia per le sparizioni forzate ammettendo sia la violazione del diritto alla vita, sia il divieto di trattamenti inumani e degradanti; Nessuna violazione invece per la Svizzera chiamata a rispondere, dal signor Maier per l'applicazione, da parte del giudice, del regime dei lavori forzati a cui lo stesso ricorrente aveva rifiutato di sottoporsi, incorrendo però ad un regime carcerario più rigido.

Read More »
Scroll To Top