Home / In evidenza / Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 25/04/2013

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 25/04/2013

European Court of Human Rights 2 (Corte EDU)

25/04/2013 – La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo si è pronunciata su 11 casi, sollevati da ricorrenti di diversi paesi europei. Alla base dei ricorsi presentati a Strasburgo vi sono pesanti accuse di violazioni dei diritti umani, per le quali la Corte si è pronunciata constatandone la sussistenza in tutti i casi esaminati. Condanne quindi per Russia, Croazia, Macedonia, Slovenia, Ucraina e Francia.

Note alla rassegna

Di seguito la rassegna delle sentenze pronunciate dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo in data Giovedì 25 Aprile 2013, di cui, per ciascuna, si ripropongono:

  • Case of – : la denominazione del caso e il link alla sentenza caricata sul sito http://hudoc.echr.coe.int ;
  • N.ricorso  : il numero di ricorso;
  • Corte I.L.  : l’Importance Level ;
  • Descrizione  : una breve esposizione dei fatti del caso, secondo le anticipazioni ufficiali pubblicate dalla Corte;
  • Petitum  : le richieste dei ricorrenti, secondo le anticipazioni ufficiali pubblicate dalla Corte;
  • Dispositivo  : l’esposizione sintetica del dispositivo, come risultante dalla sentenza pubblicata dalla Corte.

Le fonti delle informazioni riportate sono tutte ufficiali e consultabili in inglese/francese sui siti ufficiali della Corte EDU: http://www.echr.coe.int/ECHR/Homepage_ENhttp://hudoc.echr.coe.int .

Case of
N.ricorso
I.L.
Descrizione
Petitum
Dispositivo
Erkapić v. Croatia51198/082Mario Erkapić, cittadino croato, è accusato di traffico di eroina nella città di Zagreb. Egli contesta il fondamento di questa imputazione, cioè la testimonianza rilasciata da due coimputati eroinomani, i quali sarebbero stati costretti ad accusarlo dagli agenti di polizia.Articolo 6 § 1 (diritto ad un processo equo)Resto inammissibile
Violazione dell’Articolo 6 - Diritto a un equo processo (art. 6 - Procedimento penale; Articolo 6-1 - Processo equo; Processo accusatorio)
Danno non patrimoniale - aggiudicato
M.S. v. Croatia36337/103Ms M.S. è protagonista, insieme alla sorella, di due processi penali: abitando entrambe sopra un ristorante, più volte si sono lamentate col proprietario dei forti rumori della sala e degli odori nauseabondi della spazzatura. Nel corso di una lamentela, particolarmente accesa, uno dei dipendenti del ristorante l’avrebbe spinta e presa a calci. A fronte di questa aggressione, agisce contro il dipendente: simultaneamente, il proprietario del ristorante la accusa di diffamazione, negando che quella violenza si sia mai verificata. Si da il caso però che uno psichiatra, chiamato dal giudice a stendere una perizia sulle sorelle, accerti che entrambe soffrono di disturbi mentali. Ciò varrà la chiusura dei due processi penali – per diffamazione in quanto non imputabili, per lesioni personali in quanto il loro tutore non prosegue il giudizio – e l’apertura di un nuovo processo sulla loro (in)capacità giuridica, ancora pendente. Ms M.S. oggi agisce in CEDU accusando i giudici croati di averle negato giustizia per l’aggressione subita al ristorante e inoltre di procedere indebitamente al fine di privarla della capacità d’agire sulla base della perizia di uno psichiatra stesa senza che questi l’avesse mai visitata.Articolo 8 (diritto al rispetto della vita privata e familiare e della casa)Violazione dell'Articolo 8 - Diritto al rispetto della vita privata e familiare (Articolo 8 - obblighi positivi)
Violazione dell'Articolo 8 - Diritto al rispetto della vita privata e familiare (art. 8-1 - Il rispetto della vita privata)
Zahirović v. Croatia58590/111Zajko Zahirović è condannato a 6 anni per tentato omicidio: in un night club avrebbe sparato a tre persone, tentando di ucciderle. Tenta tutte le strade giudiziarie, e mentre la Suprema Corte croata aumenta la sua pena a 8 anni, la Corte Costituzionale respinge il suo ricorso. Oggi si rivolge alla Corte Europea, denunciando la violazione, nel processo davanti alla Suprema Corte, del principio dell’equo processo: non gli sarebbero stati comunicati un parere presentato dalla Procura e l’invito a partecipare ad una pubblica udienza.Articolo 6 § § 1 e 3 (c) (diritto ad un processo equo)Resto inammissibile
Violazione dell’Articolo 6 - Diritto a un equo processo (art. 6 - Procedimento penale; Articolo 6-1 - Processo equo; Processo accusatorio; Parità delle armi)
Violazione dell'Articolo 6 +6-3- c - Diritto ad un processo equo (art. 6-3 - Diritti della difesa) (Articolo 6 - Diritto a un equo processo; Articolo 6-3-c - Difesa in persona)
Danno non patrimoniale - aggiudicato
Canali v. France40119/092Enzo Canali è un cittadino francese condannato nel 2006 a 8 anni di reclusione per omicidio. Fino al 2009 è detenuto nel carcere Charles III di Nancy. Oggi lamenta le condizioni a cui è stato sottoposto durante quella detenzione, nonché accusa le autorità francesi di avergli impedito di denunciarle davanti ad un giudice.Articolo 3 (divieto di trattamenti inumani o degradanti)
Articolo 6 (diritto ad un equo processo)
Articolo 13 (diritto ad un ricorso effettivo)
Resto inammissibile
Violazione dell'Articolo 3 - Proibizione della tortura (art. 3 - trattamento degradante)
Danno non patrimoniale - aggiudicato
Balažoski v. “the former Yugoslav Republic of Macedonia”45117/082Dževit Balažoski, cittadino macedone, è coinvolto in un processo sulla proprietà di un immobile contro la sue ex-moglie. Oggi si oppone alla giustizia macedone, ritenendo che i giudici si siano comportati in maniera non equa difronte a due ricorsi pressoché identici: mentre il ricorso presentato dalla ex-moglie davanti alla Corte Suprema macedone è stato esaminato ed accolto, il ricorso da lui presentato, anni dopo, è stato respinto senza alcun esame del merito, dalla stessa corte.Articolo 6 § 1 (diritto ad un equo processo)Violazione dell’Articolo 6 - Diritto a un equo processo (art. 6 - procedimenti civili; Articolo 6-1 - accesso alla giustizia; Processo equo)
Danno patrimoniale - reclamo respinto
Danno non patrimoniale - reclamo respinto
Savriddin Dzhurayev v. Russia71386/102Savriddin Dzhurayev è un cittadino tajikistano oggi detenuto in Tajikistan per reati contro la sicurezza pubblica: affiliato al Movimento islamico dell'Uzbekistan avrebbe attentato alla vita di tre membri del Parlamento Regionale. Dopo l’attentato, riesce a fuggire in Russia e, a Mosca, si finge commerciante in un mercato locale. Ma la polizia russa lo rintraccia, lo arresta e ne prepara l’estradizione verso il Tajikistan: è allora che propone ricorso a Strasburgo, e la Corte Europea, nel Dicembre del 2010, come misura cautelare, vieta alla Russia di estradarlo verso il suo paese natìo: lì rischierebbe trattamenti inumani e degradanti. Nel Maggio del 2011 è rilasciato dalle autorità russe, grazie alle garanzie prestate dal suo avvocato, ma nel corso del mese di Ottobre scompare: afferma che un commando lo avrebbe catturato, torturato su un camion e infine trasferito coattivamente in Tajikistan, dove infatti tuttora si trova. Le sue accuse sono quindi ora maggiori e molto pesanti: la Russia non avrebbe rispettato né i suoi diritti né le misure adottate dalla Corte per proteggerli, in quanto sarebbe sicuramente coinvolta in quel rapimento, sul quale tra l’altro non ha svolto indagini efficaci.Articolo 3 (divieto di trattamenti inumani o degradanti)
Articolo 5 § 4 (diritto che sulla legittimità del trattenimento decida un giudice entro un breve termine)
Articolo 13 (diritto ad un ricorso effettivo)
Articolo 34 (diritto di ricorso individuale)
Resto inammissibile
Violazione dell'Articolo 3 - Proibizione della tortura (art. 3 - obblighi positivi) (aspetto procedurale)
Violazione dell'Articolo 3 - Proibizione della tortura (art. 3 - Espulsione) (Tagikistan)
Violazione dell'Articolo 3 - Proibizione della tortura (art. 3 - L'effettivo accertamento) (aspetto procedurale)
Violazione dell’Articolo 34 - Ricorsi individuali (Articolo 34 – ostacolo all'esercizio del diritto di petizione)
Violazione dell’Articolo 5 - Diritto alla libertà e alla sicurezza (art. 5-4 - velocità della revisione)
Resistenza dello Stato ad adottare misure individuali (art. 46-2 - Misure individuali)
Danno non patrimoniale - reclamo respinto (art. 46-2 - Misure di carattere generale)
Danno non patrimoniale - aggiudicato
Yevgeniy Ivanov v. Russia27100/033Yevgeniy Ivanov è un cittadino russo coinvolto nel 2002 in una rissa da bar nella quale “ci scappa” il morto. Sottoposto a processo, lamenta l’impossibilità di interrogare i principali testimoni dell’accusa e di esperire una testimonianza, decisiva, della difesa.Articolo 6 § § 1 e 3 (d) (diritto ad un processo equo / diritto di ottenere la
convocazione e l'esame dei testimoni)
Violazione dell’Articolo 6 - Diritto a un equo processo (art. 6 - Procedimento penale; Articolo 6-1 - Processo equo)
Violazione dell’Articolo 6 - Diritto a un equo processo (art. 6-3-d - Esame dei testimoni; Convocazione dei testimoni)
Repetitive case
Shtabovenko and Others v. Ukraine22722/07 e altri 99 ricorsi3Tutti i ricorrenti lamentano la mancata esecuzione delle decisioni emesse in loro favore.Articolo 6 (diritto ad un processo equo)
Articolo 13 (diritto ad un efficace
rimedio)
Articolo 1 del Protocollo n ° 1 (protezione della proprietà)
Inammissibile (art. 35-3 - manifestamente infondata)
Cancellato dalla lista (Articolo 37-1-a - Assenza di intenzione di proseguire petizione; Articolo 37-1-b - Materia risolto)
Violazione dell’Articolo 6 - Diritto a un equo processo (art. 6 - procedimenti civili; Articolo 6-1 - accesso alla giustizia)
Violazione dell'Articolo 1 del Protocollo n ° 1 - Protezione della proprietà (Articolo 1, comma 1 del Protocollo n ° 1 -. Rispetto dei beni)
Violazione dell'Articolo 13 - Diritto a un ricorso effettivo (art. 13 - ricorso effettivo)
Casi di eccessiva durata di procedimenti civili
Grupa Zastava Vozila, A.D. v. Slovenia67793/103Violazione dell’Articolo 6 - Diritto a un equo processo (art. 6 - procedimenti civili; Articolo 6-1 - Termine ragionevole)
Violazione dell'Articolo 13 - Diritto a un ricorso effettivo (art. 13 - ricorso effettivo)
Habič v. Slovenia23416/063Violazione dell’Articolo 6 - Diritto a un equo processo (art. 6 - procedimenti civili; Articolo 6-1 - Termine ragionevole)
Violazione dell'Articolo 13 - Diritto a un ricorso effettivo (art. 13 - ricorso effettivo)
Novak v. Slovenia5420/073Violazione_dell’Articolo_6 - Diritto a un equo processo (art. 6 - procedimenti civili; Articolo 6-1 - Termine ragionevole)
Violazione dell'Articolo 13 - Diritto a un ricorso effettivo (art. 13 - ricorso effettivo)

About Marco Occhipinti

Nato a Ragusa, laureato a Piacenza, oggi sono praticante avvocato a Verona in uno studio specializzato nella tutela dei diritti umani. Scrivo su Diritti d'Europa dal 2012 e mi ostino a sognare un'Europa di diritti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top