Home / In evidenza / Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 21/02/2013

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 21/02/2013

Giovedì 21 Febbraio 2013

Soltanto due pronunce quest’oggi per la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo: in entrambe sono state accertate violazione dei diritti protetti dalla CEDU da parte della Repubblica Ceca e dell’Ucraina.

Note alla rassegna

European Court of Human Rights 2 (Corte EDU)Di seguito la rassegna delle sentenze pronunciate dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo in data Giovedì 21 Febbraio 2013, di cui, per ciascuna, si ripropongono:

  • Case of – : la denominazione del caso e il link alla sentenza caricata sul sito http://hudoc.echr.coe.int ;
  • N.ricorso  : il numero di ricorso;
  • Corte I.L.  : l’Importance Level ;
  • Descrizione  : una breve esposizione dei fatti del caso, secondo le anticipazioni ufficiali pubblicate dalla Corte;
  • Petitum  : le richieste dei ricorrenti, secondo le anticipazioni ufficiali pubblicate dalla Corte;
  • Dispositivo  : l’esposizione sintetica del dispositivo, come risultante dalla sentenza pubblicata dalla Corte.

Le fonti delle informazioni riportate sono tutte ufficiali e consultabili in inglese/francese sui siti ufficiali della Corte EDU: http://www.echr.coe.int/ECHR/Homepage_ENhttp://hudoc.echr.coe.int .

Case of
N.ricorso
I.L.
Descrizione
Petitum
Dispositivo
Vecek v. the Czech Republic3252/093Petr Vecek, cittadino ceco, è sottoposto a custodia cautelare reiterata più volte illegittimamente; lamenta inoltre di non aver potuto consultare il suo fascicolo processuale.Articolo 5 § 4 (diritto che sulla legittimità del trattenimento decida un giudice entro un breve termine)Violazione dell'articolo 5 - Diritto alla libertà e alla sicurezza (5-4 Articolo - Garanzie procedurali di revisione)
Violazione dell'articolo 5 - Diritto alla libertà e alla sicurezza (5-4 Articolo - Garanzie procedurali di revisione)
Ripetitive cases
Feya, MPP and Others v. Ukraine27617/06
ed altri 126 ricorsi
3I ricorrenti sono tutti cittadini ucraini o russi, nonché aziende con sede in Ucraina, che accusano l’Ucraina di non aver dato attuazione si provvedimenti giurisdizionali adottati in loro favore, nell’ambito di controversi con enti statali.Articolo 6 § 1 (diritto ad un processo equo), Articolo 13 (diritto ad un efficace
rimedio)
Articolo 1 del Protocollo n ° 1 (protezione della proprietà)
Violazione dell’Articolo 6 - Diritto ad un equo processo (art. 6 - Procedura civile; Articolo 6-1 - l'accesso alla giustizia)
Violazione dell'articolo 1 del Protocollo n ° 1 - La protezione della proprietà (articolo 1, comma 1 del Protocollo n ° 1 - Pacifico godimento dei beni)
Violazione dell’Articolo 13 - Diritto ad un ricorso effettivo (art. 13 - ricorso effettivo)

About Marco Occhipinti

Nato a Ragusa, laureato a Piacenza, oggi sono praticante avvocato a Verona in uno studio specializzato nella tutela dei diritti umani. Scrivo su Diritti d'Europa dal 2012 e mi ostino a sognare un'Europa di diritti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top