Home / In evidenza / Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 30/03/2016

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 30/03/2016

Corte europea dei diritti dell'Uomo 11 - Grand ChamberQuest’oggi la Corte europea dei diritti dell’uomo, riunita in Grande Camera, ha pronunciato una sentenza di non violazione a favore del Regno Unito. Il caso riguardava l’uccisione di Jean Charles de Menezes, cittadino brasiliano che, già sottoposto a sorveglianza, venne ucciso con diversi colpi d’arma da fuoco alla testa nella metro di Londra da due agenti delle forze speciali: essi lo aveva erroneamente ritenuto un attentatore suicida. In Regno Unito i due agenti non furono né imputati né perseguiti disciplinarmente per quell’omicidio: invece venne riconosciuta la responsabilità per la negligente pianificazione e gestione dell’operazione di polizia e risarciti i familiari della vittima.

Case of-
N.Ricorso
I.L.
Descrizione
Petitum
Dispositivo
Armani Da Silva c. Regno Unito5878/081

Patricia Armani Da Silva e' la cugina di Jean Charles de Menezes, cittadino brasiliano ucciso nella metropolitana di Londra da due agenti delle forze speciali inglesi: egli era da giorni sottoposto a sorveglianza perche' sospettato di essere coinvolto nei (falliti) attentati suicidi dinamitarsi a Londra (quattro ordigni inespolsi rinvenuti tre nei vagoni della metro ed uno in un autobus). Il 22 luglio 2005 il sig. de Menezes usci' di casa per andare a lavoro prendendo la metro Stockwell e gli agenti preposti alla sua sorveglianza chiesero l'intervento di altri agenti delle forze speciali; essi intervennero in ritardo, seguirono il sospettato e, credendolo erroneamente un attentatore suicida, lo uccisero con diversi colpi di arma da fuoco alla testa all'interno della metro. Un rapporto ufficiale del 2006 e una giuria che si pronuncio' nel 2007 confermarono che il sig. de Menezes fosse stato ucciso per sbaglio e per un errore nella gestione ed esecuzione delle operazioni di polizia. Nessuna condanna penale e nessun provvedimento disciplinare vennero adottati nei confronti degli agenti responsabili dell'omicidio: in ogni caso l'autorita' pubblica fu condannata in sede penale a risarcire i familiari di Jean Charles de Menezes per 175.000,00 sterline; in sede civile fu raggiunta una transazione tra familiari e l'autorita' pubblica.


Oggi la Grande Camera, investita del caso per rinuncia della Camera alla propria competenza, ha accertato che non vi e' stata alcuna violazione del diritto alla vita del sig. de Menezes. Secondo la Corte europea il Regno Unito ha svolto un'indagine effettiva sull'omicidio del sig. de Menezes e tutti gli aspetti della vicenda sono stati esaminati approfonditamente da diversi organismi: l'Independent Police Complaints Commission (IPCC), il Crown Prosecution Service (CPS), il Giudice Penale, il Coroner e una giuria. L'azione penale non venne esercitata nei confronti dei due agenti indagati perche' non vi erano sufficienti elementi a loro carico, soprattuto per gli aspetti soggettivi di responsabilita', e non invece per una supposta tolleranza dello Stato britannico per violenze di questo tipo.

Articolo 2Resto irricevibile
Nessuna violazione dell'articolo 2 - Diritto alla vita (articolo 2-1 - Accertamento effettivo) (Aspetti procedurali)

Note alla rassegna

Nella rassegna delle decisioni pronunciate dalla Corte europea dei diritti dell’uomo in data mercoledì 30 marzo 2016, si è inserito, per ciascuna decisione:

  • Case of – : la denominazione del caso e il link alla decisione caricata sul sito http://hudoc.echr.coe.int ;
  • ricorso : il numero di ricorso che ha avviato il procedimento;
  • Corte L. : l’Importance Level attribuitole dalla Corte europea;
  • Descrizione : una nostra breve esposizione dei fatti del caso;
  • Petitum : gli articoli della Convenzione europea sollevati dai ricorrenti;
  • Dispositivo : l’esposizione sintetica del dispositivo della decisione.

 

About Marco Occhipinti

Nato a Ragusa, laureato a Piacenza, oggi sono praticante avvocato a Verona in uno studio specializzato nella tutela dei diritti umani. Scrivo su Diritti d'Europa dal 2012 e mi ostino a sognare un'Europa di diritti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top