Home / I diritti in Europa / Un weekend a Venezia all’insegna dei Diritti umani e della CEDU

Un weekend a Venezia all’insegna dei Diritti umani e della CEDU

EIUC organizza dal 18 al 20 marzo 2016 il corso  “La protezione dei Diritti Umani presso la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo”. Una tre giorni fitta di incontri per scoprire la giustizia europea.

EIUC - VeneziaLa Convenzione europea continua a far parlare di sé. Nel weekend dal 18 al 20 marzo 2016 si terrà a Venezia il convegno “La protezione dei Diritti Umani presso la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo”. L’evento è dedicato al complesso e vitale meccanismo internazionale di tutela dei Diritti umani offerto dalla Corte europea dei diritti dell’uomo e si propone di spiegare agli operatori giuridici come attivarlo e come applicarlo già qui in Italia, con un diritto che guardi (e non dimentichi) Strasburgo. L’evento si svolgerà presso Monastero di San Nicolò, Riviera San Nicolò, 26 I Venezia, Lido. È possibile iscriversi entro il 22 febbraio.

L’organizzatore dell’iniziativa è l’European Inter-University Centre for Human Rights and Democratisation (o l’EIUC). L’EIUC è un centro interuniversitario nato nel 2002 a Venezia con l’intento di diffondere e promuovere i valori europei; è molto attivo nella formazione su tematiche internazionali e vive del contributo e dell’interazione di ben 41 università degli Stati membri dell’Unione Europea.

Il coordinamento scientifico del corso sarà assicurato da Florence Benoît-Rohmer, professoressa di Diritto Internazionale presso l’Università di Strasburgo, Socio Fondatore del Master Europeo in Diritti Umani e Democratizzazione (E.MA), Segretario Generale di EIUC dal 2009 al 2015. Tra i relatori che finora hanno confermato la propria presenza si annoverano importanti esperti italiani e internazionali della materia convenzionale: il Dott. Vladimiro Zagrebelsky, il quale è stato giudice di nomina italiana presso la Corte europea dei diritti dell’uomo dal 2001 al 2010; gli Avv.ti Roberto Chenal e Andrea Tamietti, i quali lavorano come giuristi all’interno della Corte di Strasburgo, e l’Avv. Anton Giulio Lana, legale da sempre molto attivo nel foro strasburghese e Direttore dell’Osservatorio permanente della giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo.

Il corso è rivolto agli operatori giuridici italiani: esso vuole chiamare gli avvocati ed anche i giudici ad approfondire i meccanismi di protezione dei diritti fondamentali previsti dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo (CEDU). È solo tramite la diffusione della conoscenza della giustizia europea e dei suoi principi giuridici, del reticolo di vincoli indissolubili che legano il nostro Paese alla Carta internazionale e del valore inestimabile attribuito alla persona ed alla sua sfera di diritti, che sia gli uni che gli altri possono migliorare la nostra società: i giudici riparando e prevenendo le violazioni della Convenzione europea, nel pieno rispetto del principio di sussidiarietà, e gli avvocati sollevando nei giudizi interni le doglianze che poi, se inascoltate, verranno riproposte davanti alla Corte europea.

Il corso è accreditato da parte dell’ordine degli Avvocati di Venezia per n.14 crediti.

EIUC

Link utili per approfondire: 

Il corso / Relatori / Programma / Requisiti di ammisione

About Marco Occhipinti

Nato a Ragusa, laureato a Piacenza, oggi sono praticante avvocato a Verona in uno studio specializzato nella tutela dei diritti umani. Scrivo su Diritti d'Europa dal 2012 e mi ostino a sognare un'Europa di diritti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top