Home / Categorie Violazioni CEDU / 2016. Nuovo formulario e nuovo regolamento per ricorrere alla Corte europea

2016. Nuovo formulario e nuovo regolamento per ricorrere alla Corte europea

È entrato in vigore oggi – 1° gennaio 2016 – il nuovo regolamento di procedura della Corte europea dei diritti dell’uomo. La nuova versione modifica il Rule 47, l’articolo che stabilisce i requisiti che il ricorso alla Corte di Strasburgo deve possedere e che è infelicemente noto per aver troncato, sul nascere e per ragioni meramente burocratico-formali, tante istanze di tutela al Giudice dei diritti umani. È inoltre disponibile il nuovo formulario di ricorso.

I cambiamenti apportati col nuovo anno dalla riforma del regolamento di procedura della la Corte europea dei diritti dell’uomo non sono molti né di per sé decisivi, ma possono avere effetti devastanti per il ricorso perché riguardano l’articolo 47 del regolamento (o Rule 47).

Frontespizio Regolamento CEDU 2013Tali modifiche, entrate in vigore proprio oggi, 1° gennaio 2016, attengono al caso in cui il ricorrente sia una persona giuridica o si faccia rappresentare da un soggetto diverso da un avvocato. Nel primo caso, dovrà comprovarsi che il rappresentante legale della persona giuridica ricorrente abbia tale potere di rappresentanza; nel secondo caso, è necessario che il rappresentante del ricorrente firmi con lui in originale il ricorso, nella sezione destinata alla procura.

L’articolo in questione ha assunto col tempo un’importanza decisiva per i ricorrenti. È da anni infatti che la Corte di Strasburgo non esamina quei ricorsi che siano incompleti dei requisiti di registrazione, dettati proprio dal Rule 47. Con la conseguenza che un ricorso non registrato non è esaminato e, se sono scaduti i 6 mesi previsti per ricorrere al Giudice europeo, non può nemmeno essere riproposto. Per tale ragione, il primo scoglio che un’iniziativa alla Corte europea deve superare è proprio quello della registrazione del ricorso, che si può ritenere superato quando la cancelleria della Corte invia una lettera di registrazione con le etichette con codici a barre da applicare a tutte le comunicazione con la Corte stessa.

In passato invece la mancanza dei requisiti di registrazione non aveva tali effetti devastanti sui diritti sostanziali del ricorrente – si pensi al Rule 47 del regolamento di procedura in vigore nel 2013. Allora, per rispettare il rigido termine dei 6 mesi entro cui proporre ricorso alla Corte europea (ex art. 35 CEDU), bastava  inviare una comunicazione ossia era sufficiente anche un ricorso che non rispettava il Rule 47 per essere nei termini. Il ricorrente poteva inviare la necessaria integrazione poi in un momento successivo, anche oltre la scadenza del termine di 6 mesi. Inoltre, allora, il ricorso non conforme al Rule 47 poteva – ma non doveva necessariamente – non essere esaminato dalla Corte: si era ben lontani dal draconico automatismo creato oggi dalla Corte.

Formulario di ricorso alla CEDU 2016Inoltre, anno nuovo formulario nuovo: è da segnalare che per ricorrere alla Corte europea è necessario, da oggi, utilizzare un nuovo formulario. I ricorsi inviati col precedente formulario non saranno nemmeno esaminati.

Il nuovo ricorso ha visto aumentate le pagine destinate all’analisi in diritto: da una a due. Così il ricorrente avrà più spazio per indicare gli articoli della Convenzione europea che ritiene siano stati violati e potrà esporre più approfonditamente già nel formulario – e non solo nella memoria integrativa –  la sua analisi giuridica.  L’apertura va accolta con entusiasmo, soprattutto considerando che la Corte europea non approfondisce profili di violazione che ritenga non gli siano stati sollevati oppure che gli siano stati sollevati invocando le norme e la giurisprudenza scorrette (più di ogni astratto principio, valga quando accaduto in Smaltini c. Italia).

Il testo del nuovo Rule 47

Il nuovo Rule 47, nella versione in vigore dal 1° gennaio 2016, recita come segue; in evidenza le parti che sono state recentemente modificate:

Articolo 47 – Contenuto di un ricorso individuale

1. Ogni ricorso depositato a norma dell’articolo 34 della Convenzione è presentato mediante il formulario di ricorso fornito dalla Cancelleria, salvo che la Corte decida altrimenti. Il ricorso deve contenere tutte le informazioni richieste nelle diverse parti del formulario e indicare:
a) il nome, la data di nascita, la nazionalità e l’indirizzo del ricorrente e, nel caso di persona giuridica, la denominazione completa, la data di costituzione o di registrazione, il numero di registrazione (se del caso) e l’indirizzo ufficiale;
b) all’occorrenza, il nome, [abrogato “la professione”] l’indirizzo, i numeri di telefono e di fax e l’indirizzo e-mail del rappresentante;
c) qualora il ricorrente sia rappresentato, la data e la firma in originale del ricorrente, nel riquadro del formulario di ricorso riservato alla procura; la firma in originale del rappresentante, per accettazione dell’incarico ad agire in nome del ricorrente, deve ugualmente figurare nel rispettivo riquadro;
d) la o le Parti contraenti contro cui il ricorso è diretto;
e) un’esposizione succinta e leggibile dei fatti;
f) un’esposizione succinta e leggibile della o delle violazioni della Convenzione lamentate e delle
relative argomentazioni; e
g) un’esposizione succinta e leggibile che dimostri il rispetto da parte del ricorrente dei criteri di
ricevibilità enunciati all’articolo 35 § 1 della Convenzione.

2. a) Tutte le informazioni di cui al succitato paragrafo 1, lettere da e) a g), devono essere riportate nella parte corrispondente del formulario di ricorso ed essere di per sé sufficienti a consentire alla Corte di determinare natura e oggetto del ricorso senza dover consultare altri documenti.
b) Il ricorrente può tuttavia integrare tali informazioni allegando al formulario di ricorso un documento di massimo 20 pagine nel quale espone in maniera dettagliata i fatti, le violazioni della Convenzione lamentate e le relative argomentazioni.

3.1. Il formulario di ricorso deve essere firmato dal ricorrente o dal suo rappresentante ed essere corredato:
a) dalle copie dei documenti relativi alle decisioni o ai provvedimenti di natura giurisdizionale o diversa di cui si lamenta;
b) dalle copie dei documenti e decisioni idonei a dimostrare che il ricorrente ha esaurito le vie di ricorso interne e rispettato il termine previsto dall’articolo 35 § 1 della Convenzione;
c) se del caso, dalle copie dei documenti relativi ad altre procedure internazionali di inchiesta o di risoluzione;
d) se il ricorrente è una persona giuridica, come previsto dal paragrafo 1 a) del presente articolo, dai documenti idonei a dimostrare che la persona che introduce il ricorso ha la capacità a rappresentarla o è munita di procura in tal senso ;

3.2. I documenti presentati a sostegno del ricorso devono essere elencati in ordine cronologico, recare una numerazione consecutiva ed essere chiaramente identificabili.

4. Il ricorrente che non desideri che la sua identità sia rivelata deve precisarlo fornendo le ragioni che giustifichino una deroga alla regola normale di pubblicità della procedura dinanzi la Corte.
Quest’ultima può autorizzare l’anonimato o decidere di concederlo d’ufficio.

5.1. In caso di non rispetto dei requisiti elencati ai paragrafi da 1 a 3 del presente articolo, il ricorso non sarà esaminato dalla Corte, salvo che:
a) il ricorrente abbia fornito una spiegazione soddisfacente sui motivi del mancato rispetto dei requisiti suindicati;
b) il ricorso riguardi una domanda di misura provvisoria;
c) la Corte decide altrimenti, d’ufficio o su richiesta del ricorrente.

5.2. La Corte potrà sempre chiedere al ricorrente di presentare, entro un termine stabilito, qualsiasi informazione o documento utile, nella forma o secondo modalità ritenute opportune.

6. a) Conformemente all’articolo 35 § 1 della Convenzione, un ricorso si considera introdotto alla data di invio alla Corte del formulario di ricorso che soddisfi i requisiti fissati dal presente articolo (la data facente fede è quella del timbro postale).
b) Se lo ritiene giustificato, la Corte può tuttavia decidere di prendere in considerazione una data diversa.

7. Il ricorrente ha l’onere di informare la Corte di ogni cambiamento di indirizzo e di fornire ogni informazione utile per l’esame del ricorso.

 

Materiali utili per proporre ricorso

Formulario di ricorso in italiano, entrato in vigore il 1° gennaio 2016

Regolamento della Corte europea entrato in vigore il 1° gennaio 2016

Come compilare il formulario di ricorso

Informazioni complementari per i ricorrenti che introducono un ricorso contro l’Italia

ADDENDUM – Ricorsi di gruppo e molteplicità di ricorrenti

Per approfondire

Bringing an application: changes to the rules and application form with effect from 1 January 2016 da sito ufficiale della Corte europea dei diritti dell’uomo.

Regolamento della Corte europea dei Diritti dell’Uomo (Strasburgo) da http://www.dirittiuomo.it/

Dal 1° gennaio 2016 un nuovo formulario per presentare un ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo da https://antonellamascia.wordpress.com

Nuovo formulario di ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo da http://www.unionedirittiumani.it/

 

About Marco Occhipinti

Nato a Ragusa, laureato a Piacenza, oggi sono praticante avvocato a Verona in uno studio specializzato nella tutela dei diritti umani. Scrivo su Diritti d'Europa dal 2012 e mi ostino a sognare un'Europa di diritti.

3 comments

  1. Garibizzo nadhir

    Non riesco a scaricare il nuovo modello entrato in vigore il 01 gennaio 2016 per presentare ricorso di fronte alla Corte Europea per i Diritti Umani.
    Potreste gentilmente inviarmi una copia del nuovo formulario al mio indirizzo e-mail zenith11@alice.it ?
    ringrazio anticipatamente confidando nella Vostra cortesia.
    N. Garibizzo

  2. Andrea Anfuso

    Nonostante abbia utilizzato 4 pc diversi con 3 diversi sistemi operativi non riesco a scaricare il nuovo modello di ricorso in Italiano, inglese e francese sia dal sito della Corte che da altri siti.
    Spunta sempre lo stesso messaggio dopo il dowunload
    http://www.echr.coe.int/Documents/Application_Form_ITA.pdf
    Potete darmi una mano?
    Naturalmente anche scrivendo via mail alla CEDU nessuno risponde

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top