Home / In evidenza / Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 24/09/2015

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 24/09/2015

Note alla rassegna

Della rassegna delle decisioni pronunciate dalla Corte europea dei diritti dell’uomo in data Giovedì 24 settembre 2015, si è riproposto, per ciascuna di esse:

  • Case of – : la denominazione del caso e il link alla decisione caricata sul sito http://hudoc.echr.coe.int Corte Europea dei Diritti dell'Uomo 5 - facciata 2
  • N.ricorso  : il numero di ricorso che ha avviato il procedimento;
  • Corte I.L.  : l’Importance Level attribuitole dalla Corte europea;
  • Descrizione  : una nostra breve esposizione dei fatti del caso;
  • Petitum  : gli articoli della Convenzione europea sollevati dai ricorrenti;
  • Dispositivo  : l’esposizione sintetica del dispositivo della decisione.

Le fonti delle informazioni riportate sono tutte ufficiali e consultabili in inglese/francese sui siti ufficiali della Corte europea: http://www.echr.coe.int/ECHR/Homepage_EN e  http://hudoc.echr.coe.int .

Case of-
N.Ricorso
I.L.
Descrizione
Petitum
Dispositivo
M.K. c. Francia76100/13N.C.Il ricorrente è un cittadino algerino che vive in Francia; condannato a 9 anni di reclusione per omicidio, sul ricorrente pende un'ordine di espulsione verso il quale ha proposto ricorso in più sedi, senza risultati positivi, sulla base del pericolo di incorrere in tortura qualora venisse rimpatriato in Algeria. Sulla base dell'articolo 39 della corte l'ordine di espulsione è sospeso fino alla pronuncia della Corte. Invocando l'articolo 3 (divieto di trattamenti inumani o degradanti), il ricorrente sostiene che egli rischia di essere sottoposto a trattamenti contrari a tale articolo, qualora venisse rimpatriato in Algeria. Articolo 3Ricorso irricevibile perché manifestamente infondato.
Silva Carvalho Rico c. Portogallo13341/14N.C.Maria Alfredina da Silva Carvalho Rico è una cittadina portoghese e il suo caso riguarda la riduzione della della sua pensione a seguito delle misure di austerità adottate dal Portogallo con la firma di un protocollo d'intesa che stabilisce le politiche economiche e sociali - comprensive di tasse e misure previdenziali - che il paese doveva attuare tra il 2011 e il 2014 al fine di migliorare la situazione finanziaria e di ricevere sostegno finanziario. Invocando l'articolo 1 del Protocollo n ° 1 (protezione della proprietà), il ricorrente lamenta la riduzione della sua pensione nel 2014, sostenendo in particolare che il contributo di solidarietà straordinario non è più una misura temporanea siccome era già stato applicato alla sua pensione nel 2013.Articolo 1 Protocollo n. 1 Ricorso irricevibile perché manifestamente infondato.
Dorado Baúlde c. Spagna23486/12N.C.Dorado Baúlde è un cittadino spagnolo attualmente in carcere e il suo caso riguarda l'inefficacia dei suoi ricorsi prima alla Corte Suprema e successivamente alla Corte Costituzionale; invocando l'articolo 2 del Protocollo n ° 7 (diritto di ricorso in materia penale), l'articolo 6 (diritto ad un equo processo) e l'articolo 13 (diritto ad un ricorso effettivo), il sig Baúlde lamenta la limitata portata dei ricorsi in cassazione nel sistema giudiziario spagnolo, sostenendo che non consentono una revisione completa dei fatti e delle prove.Articolo 2 Protocollo n. 7
Articolo 6
Articolo 13
Ricorso irricevibile
Ukraine c. Russia (III)49537/14N.C.Il caso è stato presentato dal governo Ucraino, il quale lamenta a norma degli articoli 2 (diritto alla vita), 3 (divieto di tortura e di trattamenti inumani o degradanti) e 5 (diritto alla libertà e alla sicurezza) della privazione della libertà ed il trattamento del sig H. Dzhemilov, un cittadino ucraino appartenente al gruppo etnico tatari di Crimea, in particolare si fa riferimento ad un procedimento penale che le autorità russe hanno condotto contro di lui. Il 10 LUGLIO 2014 la Corte ha deciso di indicare, per la Russia e l'Ucraina, a norma dell'articolo 39 del regolamento della Corte (misure provvisorie), che dovrebbero garantire il rispetto dei diritti della Convenzione del signor Dzhemilov, tra cui, in particolare, il rispetto per la sicurezza della sua persona e il diritto all'assistenza legale.Articolo 2
Articolo 3
Articolo 5
Cancellato dal ruolo

About Marco Petrachi

Studio Giurisprudenza a Firenze ma sono originario di Melendugno, una piccola città della provincia di Lecce. Sono un grande amante del mare e della mia terra.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top