Home / In evidenza / Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 30/07/2015

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 30/07/2015

Note alla rassegna

Corte Europa dei diritti dell'uomo 6

Di seguito la rassegna delle decisioni pronunciate dalla Corte europea dei diritti dell’uomo in data Giovedì  30 luglio 2015, di cui, per ciascuna, si ripropongono:

  • Case of – : la denominazione del caso e il link alla decisione caricata sul sito http://hudoc.echr.coe.int ;
  • N.ricorso  : il numero di ricorso che ha avviato il procedimento;
  • Corte I.L.  : l’Importance Level attribuitole dalla Corte europea;
  • Descrizione  : una nostra breve esposizione dei fatti del caso;
  • Petitum  : gli articoli della Convenzione europea sollevati dai ricorrenti;
  • Dispositivo  : l’esposizione sintetica del dispositivo della decisione.

Le fonti delle informazioni riportate sono tutte ufficiali e consultabili in inglese/francese sui siti ufficiali della Corte europea: http://www.echr.coe.int/ECHR/Homepage_ENhttp://hudoc.echr.coe.int .

I casi ripetitivi e quelli di eccessiva durata di procedimenti non sono approfonditi perché marginali nella giurisprudenza della Corte europea.

Case of-
N.Ricorso
I.L.
Descrizione
Petitum
Dispositivo
Loisel c. Francia50104/113Il signor Loisel sconta attualmente nel carcere di Mont de Marsan la pena di 15 anni per aver violentato una minorenne; egli, fingendosi donna, le aveva dato appuntamento in chat. I giudici, subito dopo il suo arresto, dispongono per Loisel la custodia cautelare, tale misura, ritenuta ancora necessaria per il proseguo delle indagini, viene prolungata perché si scongiurassero rischi di fuga e recidiva.
Il ricorrente, oggi lamenta, ex art. 5 CEDU una ingiusta durata della sua detenzione preventiva; le sue, tuttavia, doglianze non incontrano il favore dei giudici di Strasburgo, che le rigettano.
Articolo 5Nessuna violazione dell'articolo 5 - Diritto alla libertà e alla sicurezza (articolo 5-3 - Durata della custodia cautelare)
E.A. c. Grecia74308/103Il ricorrente E.A. è un cittadino iraniano il quale ottiene oggi giustizia rispetto all’illegittimo periodo di detenzione a cui è stato sottoposto nelle strutture greche in attesa di espulsione. Nel 2010, il giudice amministrativo, dispose la sua scarcerazione a seguito della seconda denuncia del ricorrente, dalla quale emerge una situazione di totale indigenza del strutture, dovuta in particolar modo al sovraffollamento e alla carena di igiene.
Il signor E.A. per tali ragioni ha lamentato in Corte Edu la violazione dell’art.3 CEDU (trattamenti inumani e degradanti), ed in combinato disposto con l’art.13 CEDU denuncia la mancanza di un ricorso effettivo; mentre rispetto al periodo di detenzione precedente alla sua espulsione il ricorrente ha invocato con successo l’art.5 CEDU.
Articolo 3
Articolo 5
Articolo 13
Violazione dell'articolo 3 - Divieto della tortura (articolo 3 - trattamento degradanti) (aspetto sostanziale)
Violazione dell'articolo 13 + 3 - Diritto a un ricorso effettivo (Articolo 13 - rimedio effettivo) (Articolo 3 - trattamento degradante; Proibizione della tortura)
Violazione dell'articolo 13 + 3 - Diritto a un ricorso effettivo (Articolo 13 - rimedio effettivo) (Articolo 3 - Divieto della tortura; Espulsione)
Nessuna violazione dell'articolo 5 - Diritto alla libertà e alla sicurezza (articolo 5-1 - arrestato o detenuto, articolo 5-1-f - Espulsione)
Violazione dell'articolo 5 - Diritto alla libertà e alla sicurezza (articolo 5-4 –Controllo della legalità della detenzione)
Zammit e Attard Cassar c. Malta1046/122Carmel Zammit e Doris Attard Cassar sono due cittadini maltesi che hanno ereditato un immobile a Malta da loro zio, già locato da lui fin dal 1970ad un società commerciale. Nel 2007 i proprietari tentano di aumentare il canone di locazione per equipararlo ai prezzi del mercato ma si scontrano con la legge maltese, la quale prescrive il blocco dei canoni di locazione. Tutti i giudici maltesi, finanche la Corte costituzionale, negano le ragioni del ricorrente.
Oggi il ricorrenti hanno visto riconoscersi dalla Corte europea una equa riparazione di 40.000,00 €, per il danno patrimoniale, oltre 10.000,00 € per le spese legali: tali somme gli dovranno essergli corrisposte dallo Stato maltese, responsabile della violazione del loro diritto di proprietà.
Articolo 1 Prot. 1Resto irricevibili
Violazione dell'articolo 1 del Protocollo n ° 1 - Protezione della proprietà (Art. 1 comma 2 del Protocollo n ° 1 - Controllo dell'uso della proprietà)
Danno patrimoniale - aggiudicato
Voronkov c. Russia39678/033Valeriy Voronkov è stato licenziato nel 2000 dalla ditta municipalizzata della città di Oktyabrskiy, presso cui lavorava come custode di un parcheggio. Successivamente il licenziamento è stato annullato giudizialmente e gli è stato riconosciuto un diritto al risarcimento: tuttavia dal 2002 ad oggi i Giudici russi non hanno dato esecuzione alla sentenza in suo favore perché la società è stata definitivamente liquidata, senza rinvenimento di attività.
Oggi la Corte europea ha accertato le responsabilità della Russia per la mancata esecuzione di una sentenza definitiva e per l’iniquità della procedura giurisdizionale.
Articolo 6
Articolo 1 Prot. 1
Violazione dell'articolo 6 - Diritto ad un processo equo (articolo 6 - procedimento di esecuzione; Articolo 6-1 - Accesso al tribunale)
Violazione dell'articolo 1 del Protocollo n ° 1 - Protezione della proprietà (articolo 1, comma 1 del Protocollo n ° 1 -. Rispetto dei beni)
Ferreira Santos Pardal c. Portogallo30123/102Jose Luis Ferreira Santos Pardal è un cittadino portoghese coinvolto in un incidente stradale, prima nel 1997, ed in un processo contro la propria società assicuratrice, poi nel 1998. Egli è soccombente nella causa, in ragione anche dell’interpretazione che la Suprema corte portoghese dà della direttiva 90/232/EEC, rifiutando il rinvio pregiudiziale alla Corte di Giustizia dell’Unione europea. A seguito di tale pronuncia, il ricorrente ha citato lo Stato portoghese perché lo risarcisse del supposto errore giudiziario circa l’interpretazione della Direttiva, ma la Corte suprema portoghese – riformando la sentenza di secondo grado che aveva parzialmente condannato il Portogallo - ha rigettato il suo ricorso. Nello stesso periodo, invece, altri ricorsi dello stesso tipo erano accolti.
Oggi il Sig. Santos Pardal ha ricevuto una pronuncia favorevole dalla Corte europea, pur senza alcuna equa riparazione, perché la Corte suprema portoghese ha rigettato il suo ricorso contrastando la giurisprudenza consolidata della stessa Corte suprema e, in assenza di meccanismi per denunciare tale mutamento giurisprudenziale, il ricorrente è stato privato di un equo processo.
Articolo 6Violazione dell'articolo 6 - Diritto ad un processo equo (articolo 6 - Procedura civile; Articolo 6-1 - Processo equo)
Danno patrimoniale - domanda respinta (articolo 41 - danno non patrimoniale;
Equa soddisfazione)
Ripetitive cases e/o casi di eccessiva durata di procedimenti
Ryzhenko c. Ucraina55902/11Violazione_dell'articolo_2 - Diritto alla vita (articolo 2-1 – Accertamento effettivo) (aspetto sostanziale)

About Aurora Licci

Studio Giurisprudenza a Piacenza, da quattro anni. Le mie origini sono qualche passo più in là, a S. Maria di Leuca, ultimo scoglio in una terra bagnata da due mari. Un giorno spero di ritornarvi con una barca a vela piena di libri, ma ancora non ho deciso per quale Mare andrò.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top