Home / Categorie Violazioni CEDU / Espulsa la nave di rifugiati a Sud di Lampedusa nel 2009: il 23 Febbraio la sentenza contro l’Italia

Espulsa la nave di rifugiati a Sud di Lampedusa nel 2009: il 23 Febbraio la sentenza contro l’Italia

Immigrazione – Anticipazione Caso Hirsi Jamaa v. Italy, 23 Febbraio 2012

Espulsa la nave di rifugiati a Sud di Lampedusa nel 2009: il 23 Febbraio la sentenza

Giorno 23 febbraio verrà pronunciata la sentenza con riguardo ai ricorsi presentati da 11 cittadini somali e 13 eritrei, i quali il 6 maggio 2009 sono stati allontanati coattivamente dalla costa siciliana da navi italiane e diretti in Libia, senza avere la possibilità di presentare la richiesta per la protezione internazionale nel territorio italiano.

La nave, che trasportava circa 200 persone, tra cui donne in gravidanza e bambini, è stata intercettata dalla Guardia Costiera a 35 miglia a sud di Lampedusa, durante le ricerche dirette sotto la responsabilità di Malta. I passeggeri sono stati ‘’invitati’’ a spostarsi su nave militare italiana e condotti presso Tripoli, senza essere stati in alcun modo informati, né identificati, né semplicemente ascoltati. Una volta arrivati a tripoli sono stati consegnati alle autorità libiche.

La scelta della meta, spiega il ministro degli Interni, è dovuta a un accordo bilaterale firmato con la Libia, entrato in vigore il 4 Febbraio 2009, contro l’immigrazione clandestina, sebbene il respingimento attuato dalle autorità italiane è contrario al principio di nonrefoulement, sancito all’Art. 3 CEDU,che vieta l’espulsione verso un paese in cui c’è rischio di essere oggetto di trattamenti inumani e degradanti.

Ci sono infatti due ricorrenti, Ermias Behrane e Tsegay Habtom, che denunciano ora gli abusi e le violenze subite durante i due anni trascorsi presso le carceri libiche. Caso emblematico quello di Behran che prima respinto, riuscito a tornare in Italia il giorno prima dell’udienza, ha ottenuto dal governo italiano lo status di rifugiato. Pura coincidenza?

IL CASO HIRSI JAMAA vs .ITALY HA SUSCITATO L’INTERESSA DELL’ UNHCR, L’ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI E DLL’UNOHCHR, ALTO COMMISSARIATO PER I DIRITTI UMANI, NONCHE’ DI NUMEROSE ONG IN DIFESA DEI DIRITTI UMANI.

About Teresa Vozza

''Everything has been figured out, exept how to live''- la frase è di Jean-Paul Sartre, cosa ne pensate? Per qualsiasi risposta mi troverete a Piacenza all'università Cattolica del Sacro Cuore, nella facoltà di giurisprudenza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top