Home / Tag Archives: Azerbaijan

Tag Archives: Azerbaijan

Feed Subscription

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 02/06/2016

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 02/06/2016

Quest'oggi la Corte europea dei diritti dell'uomo si è pronunciata su nove casi. La condanna dell'Azerbaijan dà ragione a Arif Seyfulla oglu Yunusov e Leyla Islam Gizi Yunusova, due coniugi azeri noti attivisti per i diritti umani, condannati a 5 anni di reclusione: i gravi problemi di salute non vengono curati adeguatamente in carcere, tuttavia il Governo dichiara una situazione formalmente coerente, ma nei fatti diversa con le prescrizioni della Corte, a seguito del ricorso presentato dagli stessi ricorrenti ex art.34 CEDU.

Read More »

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 17/03/2016

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 17/03/2016

Quest'oggi la Corte europea del diritti dell'uomo si è pronunciata su sette casi: ammonisce il Regno Unito per la violazione dell'equo processo così come tutelato all'articolo 6 della Convenzione; i giudici inglesi infatti pur avendo accertato la violazione dei diritti del ricorrente, non avevano poi quantificato il risarcimento dovuto a fronte del danno subito. Anche l'Azerbaijan colleziona l'ennesima condanna per aver violato il diritto alla sicurezza e la libertà di un suo cittadino impegnato nel campo dei diritti umani, posto ingiustamente in custodia cautelare.

Read More »

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 11/02/2016

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 11/02/2016

Quest'oggi la Corte europea ha emesso verdetti di condanna per Grecia, Ucraina ed Azerbaijan, mentre sono uscite indenni dal controllo europeo Regno Unito e Macedonia. In particolare, in due casi azeri, il Giudice europeo ha accertato l'illegittimità della procedura, legalmente ammessa dall'ordinamento giuridico dell'Azerbaijan, della detenzione c.d. amministrativa : essa è stata utilizzata come uno strumento di repressione degli oppositori politici, per imprigionarli nell'immediatezza di manifestazioni politiche o per dissuaderli dall'attivismo politico.

Read More »

Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 04/02/2016

Quest'oggi la Corte europea dei diritti dell'uomo ha condannato Francia, Grecia, Armenia ed Azerbaijan per la violazione dei diritti fondamentali garantiti dalla Convenzione europea. Lo spettro di violazioni accertate copre casi molto diversi fra loro: il suicidio di un detenuto turco all'interno di una prigione francese, laddove la tragedia era stata annunciata dal G.I.P. e, ciò nonostante, non era stato preso alcun provvedimento per evitarla; una perquisizione domiciliare illegittima di un oppositore politico armeno; il pestaggio da parte di agenti in borghese di un caporedattore azero di una rivista bilingue, pubblicata anche nella lingua della minoranza taliscia (e, tra l'altro, condannato poi per incitamento all'odio razziale), la detenzione illegale ed in condizioni degradanti di un migrante gambiano all'interno una stazione di polizia di confine greca, prima, e poi in una struttura detentiva.

Read More »

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 22/10/2015

Fra le sentenze decise oggi dalla Corte europea dei diritti dell'uomo, condanne per Ucraina, Russia ed Azerbaijan. La Svezia, invece, è uscita indenne dall'esame europeo: l'accusa, dimostratasi infondata, era quella di aver separato illegittimamente un figlio, gravemente abusato dai genitori, dalla madre e di averle concesso di vederlo una volta al mese. Contro la Russia è stata emessa una sentenza che riguarda una ragazza che all'età di 17 anni è stata stuprata da un dirigente comunale: dopo anni di indagini, simili ad una farsa, la Corte europea ha accertato la violazione dell'articolo 3 della Convenzione europea (trattamenti inumani e degradanti) perché gli investigatori russi non hanno svolto indagini serie ed effettive sull'accaduto.

Read More »

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 15/10/2015

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo del 15/10/2015

il 15 ottobre 2015 la Corte europea dei diritti dell'uomo per la prima volta esprime un giudizio sulla situazione della Siria d'oggi in merito ad una vicenda di espulsione nel Caso L.M. e altri c. Russia. I tre giovani ricorrenti riparano in Russia nel 2013, lo stesso anno le autorità negano loro lo status di rifugiato e poco tempo dopo li arrestano perché privi di premesso di soggiorno. In attesa di essere espulsi in Siria propongono ricorso: per Strasburgo l'attuale situazione della Siria esporrebbe la vita e la sicurezza dei ricorrenti ad un pericolo reale.

Read More »

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo dell’08/10/2015

Le Sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo dell’08/10/2015

Oggi la corte europea si è pronunciata su 83 decisioni e ben nove sentenze. Possiamo rintracciare la condanna della Russia per non aver garantito la libertà di espressione (art.10 CEDU) ad un accademico dell'università Orel State Technical: questi aveva denunciato, durante un assemblea del senato accademico, pesanti irregolarità nel processo elettivo del medesimo organo. Condanna la Croazia per un caso di sottrazione internazionale di minori da parte di un padre croato che dopo le vacanze estive decide di non far ritornare i figli in Austria dalla madre.

Read More »

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 16/07/2015

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 16/07/2015

Questa settimana la Corte europea si è pronunciata su diciassette casi: tra le pronunce anche un ricorso italiano proposto da un cittadino di origine nigeriana, arrivato irregolarmente sulle coste pugliesi nel 2008 insieme alla figlioletta. Questi vive ancora oggi in provincia di Lecce con regolare permesso di soggiorno; ottiene giustizia rispetto all'allontanamento ingiustificato da sua figlia, disposto dai giudici. Una pesante ammonimento arriva anche per la Francia circa la violazione sostanziale dell'art.3 CEDU: l'uso eccessivo della forza da parte di alcuni militari durante un arresto ha reso il ricorrente disabile per il 95%.

Read More »
Scroll To Top