Home / Tag Archives: Art 8 CEDU

Tag Archives: Art 8 CEDU

Feed Subscription

Turchia tentenna (senza ragione) nel concedere il cambiamento di sesso: per la Corte è violazione!

Turchia tentenna (senza ragione) nel concedere il cambiamento di sesso: per la Corte è violazione!

Il ricorrente turco -donna per l’anagrafe sino al 2013- vive nella consapevolezza, sin dalla sua infanzia, di appartenere non al genere femminile bensì a quello maschile. All’età di 24 anni decide di avviare formale procedura per cambiar sesso, la sua istanza viene rigettata dal giudice il 27 giugno del 2006, perché Y.Y. era in grado di procreare. Il 5 marzo del 2013, ben sei anni dopo, il ricorrente, si rivolge di nuovo al giudice Turco, che acconsente, infine il cambiamento di sesso. La Corte ha riscontrato la violazione dell'articolo 8 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo perché trova irragionevoli ed altamente pregiudizievoli le dinamiche processuali avvenute in Turchia.

Read More »

Immigrazione, l’integrità familiare non si tocca: la Grande Camera condanna l’Olanda

Immigrazione, l’integrità familiare non si tocca: la Grande Camera condanna l’Olanda

La Grande Camera della Corte europea dei diritti umani ha risposto alla richiesta d'aiuto di una donna, sig.ra Jeunesse, che per lungo tempo ha vissuto con la paura di esser separata dalla propria famiglia a causa delle dure leggi sull'immigrazione. Il caso riguarda il rifiuto delle autorità Olandesi di concedere ad una donna, nata in Olanda prima dell'indipendenza del Suriname, sposata con un cittadino Olandese con il quale ha avuto tre figli, il permesso di risiedere nel paese con la propria famiglia.

Read More »

Il cognome della mamma ai figli anche per le coppie sposate è un diritto!

Il cognome della mamma ai figli anche per le coppie sposate è un diritto!

In Italia è tutt'oggi impossibile dare ad un figlio legittimo il cognome della mamma. Non perché ci sia una norma scritta che lo neghi, ma perché nella tradizione italiana, fin dal periodo romano, ai figli viene dato il cognome del papà. Una coppia, però, decide di ricorre alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, sostenendo che questo obbligo violi i diritto di uguaglianza tra i sessi, e il diritto al rispetto della vita privata e familiare. La Corte oltre a riscontrare la violazione, ha invitato fortemente lo Stato italiano ad innovare la normativa.

Read More »

Turchia: Le donne sposate devono poter utilizzare il loro cognome da nubili

Turchia: Le donne sposate devono poter utilizzare il loro cognome da nubili

Una norma del codice civile turco prevede che una donna, nel momento in cui si sposa, perde il diritto di utilizzare il proprio cognome da nubile a discapito del cognome acquisito del marito. Con la sentenza Tanbay Tuten v. Turchia, la Corte di Strasburgo ha giudicato discriminatoria questa norma e ha riconosciuto alla ricorrente la violazione degli Artt 8 e 14 Cedu.

Read More »

Strasburgo condanna la Grecia: “Unioni civili anche ai gay”

Strasburgo condanna la Grecia: “Unioni civili anche ai gay”

La Corte europea dei diritti umani di Strasburgo ha stabilito che, se un Paese prevede unioni civili in alternativa al matrimonio, queste devono essere aperte a tutti, anche a persone dello stesso sesso. Non si potranno quindi escludere le coppie omosessuali dalle unioni civili. La Grand Chamber ha condannato per questo motivo la Grecia, paese in cui dal 2008 l'accesso alle unioni civili è limitato solamente alle coppie eterosessuali.

Read More »

La perquisizione non è un atto di guerra! La Bulgaria tre volte colpevole a Strasburgo

La perquisizione non è un atto di guerra! La Bulgaria tre volte colpevole a Strasburgo

Borislav Gutsanov è un noto politico socialista bulgaro. Nel 2010 è indagato e arrestato con l'accusa di abuso d’ufficio e appropriazione indebita: La polizia lo arresta all'alba con un vero e proprio blitz nel suo appartamento: durante la perquisizione, gli agenti incappucciati puntano costantemente le armi a lui e alla sua famiglia in un'atmosfera di terrore e ansia, accertata e condannata dai giudici della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo.

Read More »

I siti online sono responsabili per i commenti degli utenti. Fine della libertà d’espressione?

I siti online sono responsabili per i commenti degli utenti. Fine della libertà d’espressione?

La Corte europea dei diritti dell’uomo appoggia l’Estonia: non c’è infatti violazione della libertà d’espressione (Art 10 Cedu) nella multa comminata dai tribunali nazionali a Delfi AS, noto sito d’informazione della repubblica estone, accusato di diffamazione per dei commenti, ritenuti offensivi, apparsi a margine di un suo articolo riguardante l'operato della "Saaremaa Shipping Company", società di traghetti guidata da Vjatšeslav Leedo.

Read More »

Diagnosi preimpianto. Via libera a spese del Sistema Sanitario Nazionale

Diagnosi preimpianto. Via libera a spese del Sistema Sanitario Nazionale

Storica pronuncia del Tribunale di Roma: il giudice ha ammesso il ricorso alle tecniche di procreazione assistita e alla diagnosi genetica preimpianto a beneficio di una coppia,Rosetta Costa e Walter Pavan, che secondo la legge italiana non poteva accedervi. E' il primo caso in Italia di applicazione diretta ad opera di un giudice dei principi affermati in una sentenza della Corte Europea dei diritti dell'Uomo, la Costa e Pavan e altri c. Italia, ben nota anche all'opinione pubblica per il clamore mediatico e di cui è stata protagonista la stessa coppia che oggi si vede riconosciuto il diritto alla diagnosi preimpianto a spese del Servizio Sanitario Nazionale. Tutto questo a spese della Legge 40/2004 che è stata direttamente disapplicata dal giudice.

Read More »

Romania: delle intercettazioni possono violare i diritti di un magistrato corrotto?

Romania: delle intercettazioni possono violare i diritti di un magistrato corrotto?

Durante un'indagine portata avanti dalla Procura della Repubblica rumena su dei crimini contro la sicurezza nazionale, viene scoperto un giro di tangenti che faceva capo ad un avvocato, LP, teso ad ottenere favori nei casi giudiziari dei suoi clienti. Mediante delle intercettazioni si scopre il coinvolgimento di un magistrato rumeno. Durante il processo che lo vedrà coinvolto sarà messa in discussione la legittimità dell'intercettazione, su cui si basa la tesi accusatoria; ma nonostante questo il ricorrente verrà ugualmente condannato a cinque anni di reclusione. Dopo un ricorso presentato dal magistrato rumeno alla Corte di Strasburgo, verranno a galla alcune irregolarità procedimentali e l'inadeguatezza giuridica della normativa sull'intercettazione della Romania, da tempo rilevata dalla giurisprudenza della Corte

Read More »

ВЛАСТИ УКРАИНЫ ПРОТИВ ИЗМЕНЕНИЯ ОТЧЕСТВА

ВЛАСТИ УКРАИНЫ ПРОТИВ ИЗМЕНЕНИЯ ОТЧЕСТВА

Гражданка Украины проживавшая долгое время со своей матерью, сводным братом и отчимым, хочет взять его отчество, но власти утверждают что это не возможно так как по законам Украины это можно сделать только если её биологический отец изменил своё имя.

Read More »
Scroll To Top