Home / Categorie Violazioni CEDU / La Corte Europea valuterà se l’Irlanda è responsabile per gli abusi sessuali nelle proprie scuole

La Corte Europea valuterà se l’Irlanda è responsabile per gli abusi sessuali nelle proprie scuole

Ireland, 04/03/2013 – La Corte  Europea dei Diritti dell’Uomo, a breve, si pronuncerà sul ricorso presentato da una cittadina irlandese, la sig.ra Louise O’Keeffe, che ha eccepito la violazione degli art 3 CEDU (divieto di trattamenti inumani o degradanti), art 8 CEDU (diritto al rispetto della vita privata), art 13 CEDU (diritto ad un ricorso effettivo) e art 14 CEDU (divieto di discriminazione), nonché dell’art 2 del Protocollo n. 1 alla Convenzione (diritto all’educazione). La ricorrente ha iniziato già da tempo un battaglia giudiziaria interna, denunciando gli abusi sessuali che ha subito nel lontano 1973, quando aveva ancora otto anni, nella scuola elementare di Dunderrow a Cork dall’allora preside Leo Hickey.

pedofiliaLa ricorrente, a livello interno, ha iniziato più cause, sia penali che civili, ottenendo la reclusione del preside per tre anni nel 1998 e un risarcimento mensile di circa 400 euro, ma perdendo la causa dinanzi alla Corte Suprema, ove ha citato in giudizio lo Stato e il ministro dell’istruzione per i maltrattamenti subiti.

La pronuncia della Corte di Strasburgo è molto attesa – infatti ha riscosso molto clamore mediatico l’accoglimento del ricorso da parte della Corte di Strasburgo del 14 luglio 2012 – non solo per la delicatezza della vicenda che ha fatto luce e sensibilizzato un problema che si protraeva da circa un decennio negli istituti scolastici irlandesi, ma anche perché nel caso di condanna, e quindi d’accertamento giuridico di una responsabilità dello Stato per gli abusi consumati, si svilupperebbe un effetto di ricorsi a catena, poiché oltre 200 vittime di abusi hanno iniziato a presentare altre richieste di risarcimento simili. Il ché  sarebbe un serio problema per l’Irlanda!

Fonti:

– Abuse victim’s landmark EU case could open compensation claim floodgates dall’Independent.ie

– European Court agrees to hear abuse victim appeal dall’Irishtimes.com

Articolo di A. Mascia dal sito Diritti fondamentali, quale tutela?

About Roberto Federico Proto

Sono nato ad Ostuni, comunemente conosciuta come la città bianca, nel 1990 di un martedì 17, numero che mi ha sempre portato molta fortuna. Conclusi gli anni scolastici obbligatori ho deciso, inconsapevolmente, d'iscrivermi alla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università Cattolica del Sacro Cuore (sede di Piacenza). Grazie agli studi universitari ho iniziato ad appassionarmi di Diritti Sociali, con un occhio sempre attento e vigile a tutte le vicende e i mutamenti del Diritto del Lavoro. Dal febbraio del 2012 faccio parte della redazione del webmagazine Diritti d'Europa ( ex Generazionezeroitalia.org), dove commentiamo e divulghiamo le pronunce della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top