Home / Categorie Violazioni CEDU / Il Consiglio d’Europa

Il Consiglio d’Europa

Consiglio d’Europa.

Il 5 maggio 1949 con il Trattato di Londra nasce il Consiglio d’Europa, come volano di una società tollerante e civilizzata, che persegue l’obiettivo della crescita economica e soprattutto la coesione sociale dell’intero continente.
 Si intende realizzare, dunque, un’unione più stretta tra i suoi membri per preservare ideali e principi di un comune corredo. Volendo cristallizzarne le intenzioni: assicurare una democrazia pluralista, il rispetto dei diritti umani ed infine, la preminenza del diritto, le quali nel concreto si traducono nella sottoscrizione di accordi e convenzioni a livello continentale, armonizzando così le legislazioni degli stati membri.

Il Consiglio d’Europa, con sede a Strasburgo, ad oggi conta 47 stati membri, che a turno detengono la Presidenza per sei mesi, alternandosi secondo l’ordine alfabetico inglese.

GLI ORGANI

  • Il Comitato dei Ministri 

è composto dai Ministri degli Esteri degli stati membri o dai loro Rappresentanti diplomatici permanenti a Strasburgo. Non solo garante del rispetto degli impegni assunti dai paesi membri e custode dei valori fondamentali del Consiglio d’Europa, ma anche sede di discussione circa gli orientamenti governativi nazionali riguardo a problematiche comuni. Inoltre è organo collegiale che fornisce risposte a tali istanze.

  • L’Assemblea Parlamentare

Ha sede a Strasburgo, ed è composta da delegazioni parlamentari dei 47 stati membri, il numero viene stabilito a seconda della consistenza demografica: da un minimo di due ad un massimo di diciotto. Suddette delegazioni dovranno rispecchiare l’effettiva composizione, in quanto a forze politiche, del proprio Parlamento. L’ Assemblea Parlamentare constata a sua volta di organi per l’espletamento delle sue funzioni, ovverosia, il Presidente, che viene nominato sulla base di accordi riguardo gruppi politici, e non può essere rieletto per pìù di due mandati.

    1. Il Comitato dei Presidenti opera solo dal 2008, è composto dal Presidente dell’Assemblea e dai Presidenti dei Gruppi Politici. Il suo ruolo è prettamente di tipo consultivo nei confronti del Presidente e del Bureau. Quest’ultimo, il Bureau, è un organo direzionale dell’Assemblea, la composizione è variegata, spazia dal Presidente, dai venti Vicepresidenti della stessa, dai Presidenti dei Gruppi politici, e dai Presidenti delle Commissioni.
    2. La Commissione Permanente viene costituita all’inizio di ogni sassione annuale, agisce a nome dell’Assemblea. Vi presiedono i membri del Bureau e i Presidenti delle delagazioni nazionali.
    3. Le Commissioni vengono costituite all’inizio di ogni sessione e sono dieci : Questioni politiche, Questioni giuridiche e dei diritti umani, Questioni  economiche e dello sviluppo, Questioni sociali sanità e famiglia, Migrazioni rifugiati e popolazione, Cultura Scienza e Istruzione, Ambiente agricoltura e questioni territoriali, Pari opportunità  per le donne e gli uomini, Regolamento e immunità, Regolamentodegli obblighi e degli impegni degli stati membri.

L’Assemblea dunque, si riunisce quattro volte l’anno, ed ha competenza esclusiva riguardo la formulazione del proprio ordine del giorno. In particolare esamina le più importanti ed impellenti qustioni di politica internazionale, senza tralasciare per questo i problemi sociali. Così operando l’Assemblea non solo, indirizza e sollecita i lavori del Comitro dei Ministri, ma è anche un organo servente di orientamenti politici e giuridici ai Governi ed ai Parlamenti degli stati membri.

Inoltre l’Assemblea ha il potere di eleggere i giudici della CEDU, il Comissario per i diritti dell’uomo ed il Segretario generale del Consiglio d’Europa.

  • Il Segretario Generale – Viene nominato dall’Assemblea  su raccomandazione del Comitato dei Ministri, per  cinque anni. Il suo scopo è quello di raggiungere gli obiettivi prefissati dal Consiglio d’Europa, alla luce del patrimonio comune. Responsabile globale dunque di tutta la strategia di lavoro dell’Organizzazione Internazionale.
  • Il Congresso dei Poteri Locali e Regionali  – Meglio conosciuto come CPLRE, è stato istituito nel 1994, è un organo consultivo, opera a suffragio dell’attuazione provvedimentale per rendere veramente effettiva l’autonomia locale e reginale. Il congresso a sua volta è composto da du camere: la Camera dei pteri l e la Camera delle regioni, che in assemlea plenaria contano ben 306 membri titolari e 306 supplenti, eletti da oltre 200.000 enti locali e regionali dei rispettivi stati membri. Le Camere eleggono il Presidente del Congresso, il suo mandato dura due anni. Il Congresso si riunisce a Strasburgo una sola volta all’anno, la Commissione Permanente invece, composta dai rappresentanti di tutte le delegazioni nazionali, congiuntamente alle sessioni plenarie del Congresso.

 

About Aurora Licci

Studio Giurisprudenza a Piacenza, da quattro anni. Le mie origini sono qualche passo più in là, a S. Maria di Leuca, ultimo scoglio in una terra bagnata da due mari. Un giorno spero di ritornarvi con una barca a vela piena di libri, ma ancora non ho deciso per quale Mare andrò.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top