Home / Categorie Violazioni CEDU / Ucraina: l’imputato dell’attentato di Dnipropetrovsk ricorre davanti alla Corte Europea

Ucraina: l’imputato dell’attentato di Dnipropetrovsk ricorre davanti alla Corte Europea

UKRAINE, 27 Febbraio 2013 – Gli avvocati di Dmytro Reva, imputato nel processo per l’attentato terroristico che, il 27 Aprile 2012, ha colpito la città di Dnipropetrovsk, hanno depositato un ricorso presso la Corte europea dei diritti dell’uomo, lamentando l’arresto e la detenzione illegale che ha subito l’imputato ( articolo 5 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo).
L’attentato terroristico ha colpito il cuore della città dove è nata il leader del partito d’opposizione ucraino Yulia Tymoshenko, da tempo imprigionata (si ipotizza) per motivi politici. Dall’esplosioni sono rimaste ferite almeno 27 persone.

Dalla dichiarazione dell’ avv. Oksana Tomchuk, coordinatore dell’iniziativa pubblica 4Reva, si viene a conoscenza ukraine attentatodel fatto che questo ricorso non è il primo che è stato presentato dinanzi alla Corte, infatti nell’Ottobre dello scorso anno ne venne già presentato un altro.  In particolare, nel ricorso, si contestano i nove mesi in cui all’imputato è stato proibito l’incontro con i  propri parenti, delle dichiarazioni dei pubblici ministeri – a detta degli avvocati – non veritiere che stanno screditando e infamando l’imputato, e dell’impossibilità del collegio di difesa di ottenere per nove mesi l’apertura di un procedimento penale riguardante la falsificazione delle prove della colpevolezza di Reva, basata sul semplice fatto che l’imputato si trovava nei pressi del luogo dove è avvenuta l’esplosione.

Durante la sua dichiarazione, l’avvocato ha  inoltre equiparato il caso specifico al più noto caso dell’ex ministro degli interni Yuriy Lutsenko (nell’esecutivo guidato da Yulia Tymoshenko). Questi presentò un ricorso davanti alla Corte Europea, lamentando l’illiceità e l’arbitrarietà della sua detenzione.  In quel caso la Corte di Strasburgo accertò che la reclusione violava i diritti umani. Ora aspettiamo di conoscere quale sarà la valutazione della Corte per quest’ultimo caso, e soprattutto se l’equiparazione dell’avvocato sia stata opportuna o meno.

Fonti:

Lawyers for ‘Dnipropetrovsk terrorists’ file complaint against unlawful detention dal KYIVPOST.

Pre-Tournament Terrorism: Four Blasts Hit Ukrainian City of Dnipropetrovsk da Spiegel Online.

 

About Roberto Federico Proto

Sono nato ad Ostuni, comunemente conosciuta come la città bianca, nel 1990 di un martedì 17, numero che mi ha sempre portato molta fortuna. Conclusi gli anni scolastici obbligatori ho deciso, inconsapevolmente, d'iscrivermi alla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università Cattolica del Sacro Cuore (sede di Piacenza). Grazie agli studi universitari ho iniziato ad appassionarmi di Diritti Sociali, con un occhio sempre attento e vigile a tutte le vicende e i mutamenti del Diritto del Lavoro. Dal febbraio del 2012 faccio parte della redazione del webmagazine Diritti d'Europa ( ex Generazionezeroitalia.org), dove commentiamo e divulghiamo le pronunce della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top