Home / Rassegna sulla Corte Europea / Le sentenze CEDU del 22/11/12

Le sentenze CEDU del 22/11/12

Rassegna CEDU – Giovedì 22 Novembre 2012

Di seguito la rassegna delle sentenze pronunciate dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo in data Giovedì 22 Novembre 2012, di
cui, per ciascuna, si ripropongono:

  • Case of – : la denominazione del caso e il link alla sentenza caricata sul sito http://hudoc.echr.coe.int;
  • N.ricorso : il numero di ricorso;
  • Corte I.L. : l’Importance Level attribuito dalla Corte;
  • Descrizione : una breve esposizione dei fatti del caso, secondo le anticipazioni ufficiali pubblicate dalla Corte;
  • Petitum : le richieste dei ricorrenti, secondo le anticipazioni ufficiali pubblicate dalla Corte;
  • Dispositivo : l’esposizione sintetica del dispositivo, come risultante dalla sentenza pubblicata dalla Corte.

Le fonti delle informazioni riportate sono tutte ufficiali e consultabili in inglese/francese sui siti ufficiali della Corte EDU: http://www.echr.coe.int/ECHR/Homepage_EN e http://hudoc.echr.coe.int .

 

Case
of –

N.ricorso

I.L.

Descrizione

Petitum

Dispositivo

Čadek
and Others v. the Czech Republic

nos. 31933/08, 60084/08, 6185/09,

46696/09, 52792/09, 53518/09, 10185/10, 42151/10, 3167/11,
20939/11

3

I ricorrenti, 5 cittadini cechi e 2 società ceche, acquistano, dai proprietari espropriati, i diritti di compensazione sulle terre espropriate nel 1990. Lamentano una compensazione non equa nell’importo e che l’intervento di un emendamento del 2003 sulla legge epropriativa gli impedirebbe di succedere nei diritti di compensazione. 

Articolo 1 del Protocollo n ° 1 (protezione della proprietà)

Nessuna violazione dell’articolo 1 del Protocollo n °
1
– La protezione della proprietà
(articolo 1, comma 1 del Protocollo n ° 1 -. Pacifico godimento dei beni)

Roman
Minarik v. the Czech Republic

no. 58874/11

3

Roman Minarik, cittadino tedesco, socio di minoranza di una società ceca, perde le proprie azioni all’atto di scissione della sua società
in due nuove società. Agisce per tutelare i suoi diritti di socio ma risulta soccombente in giudizio. Oggi ricorre a Strasburgo contro la giustizia ceca.

Articolo 6 § 1 (diritto di un processo equo)

Articolo 1 del Protocollo n ° 1 (protezione della proprietà)

Violazione
dell’Articolo 6
– Diritto ad un
processo equo (art. 6 – Procedura civile; Articolo 6-1 – accesso alla
giustizia)

Sýkora
v. the Czech Republic

no. 23419/07

2

Milan Sýkora, cittadina ceca, soffre di una forma di disabilità psico-sociale. Lamenta l’adozione di provvedimenti
limitativi della sua capacità d’agire e l’internamento in un ospedale giudiziario per 20 giorni e col consenso del suo tutore.

Articolo 5 § § 1 e 4 (diritto alla libertà e alla sicurezza)

Articolo 8 (Diritto
al rispetto della vita privata e familiare)

Violazione dell’articolo 5
– Diritto alla libertà e alla sicurezza (art. 5-1 – regolare stato di arresto
o di detenzione; Procedura prevista dalla legge Articolo 5-1-e – di un
alienato)

Violazione dell’articolo 5
– Diritto alla libertà e alla sicurezza (art. 5-4 – Recensioni su legalità
della detenzione Prendere procedimento)

Violazione dell’articolo 8
– Diritto al rispetto della vita privata e familiare (art. 8-1 – Il rispetto
della vita privata)

Danno
non patrimoniale – aggiudicato

Resto
irricevibile

Tseber
v. the Czech Republic

no. 46203/08

2

Igor Tseber, cittadino ucraino, è condannato per aver intenzionalmente sparato ad un uomo nella gamba e detenuto nella prigione ceca di Příbram fino al termine della pena, quando è estradato in Ucraina. Lamenta una condanna in cui è stata decisiva la testimonianza di un teste ascoltato prima dell’inizio del procedimento penale (per paura che
il ricorrente abbandonasse la Repubblica Ceca) e che il ricorrente non ha potuto controinterrogare.

Articolo 6 § § 1 e 3 (d) (diritto ad un processo
equo / diritto di interrogare i testimoni)

Violazione dell’Articolo 6
– Diritto ad un processo equo (art. 6 – Procedimento penale; Articolo 6-1 –
DIFESA, articolo 6-3-d – Audizione di testimoni)

Danno
non patrimoniale – accertamento di infrazione sufficiente

Danno
patrimoniale – domanda respinta

Telegraaf
Media Nederland Landelijke Media B.V. and Others v.
the Netherlands

no. 39315/06

2

Joost de Haas e Bart Mos, cittadini olandesi, insieme
con le associazioni giornalistiche olandesi Nederlandse Vereniging van
Journalisten e Nederlands Genootschap van
Hoofdredacteuren
, diffondono tramite la stampa informazioni dai servizi segreti olandesi (AIVD, Algemene Inlichtingen-en Veiligheidsdienst), coperte dal segreto di stato e concernenti il
criminale Mink K. e i suoi rapporti con funzionari corrotti. I ricorrenti subiscono procedimenti penali e civili, oltre a requisitorie politiche, e ora
ricorrono davanti alla CEDU.

Articolo 8 (Diritto
al rispetto della vita privata e familiare)

Articolo 10 (libertà di espressione)

 

Violazione dell’articolo 8 – Diritto al rispetto della vita privata e familiare (art. 8-1 – Il
rispetto della vita privata)

Violazione dell’Articolo 10 – Libertà di espressione – {Generale} (Articolo 10-1 – Libertà di
espressione)

Violazione dell’Articolo 10
– Libertà di espressione – {Generale} (Articolo 10-1 – Libertà di comunicare
informazioni; La libertà di ricevere informazioni)

Resto
irricevibile

 

 

 


 

 

About Marco Occhipinti

Nato a Ragusa, laureato a Piacenza, oggi sono praticante avvocato a Verona in uno studio specializzato nella tutela dei diritti umani. Scrivo su Diritti d'Europa dal 2012 e mi ostino a sognare un'Europa di diritti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top