Home / In evidenza / Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 10/09/2015

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 10/09/2015

Note alla rassegna

Di seguito la rassegna delle decisioni pronunciate dalla Corte europea dei diritti dell’uomo in data Giovedì 10 settembre 2015, di cui, per ciascuna, si Corte europea dei diritti dell'Uomo 6 - La Press roomripropongono:

  • Case of – : la denominazione del caso e il link alla decisione caricata sul sito http://hudoc.echr.coe.int ;
  • N.ricorso  : il numero di ricorso che ha avviato il procedimento;
  • Corte I.L.  : l’Importance Level attribuitole dalla Corte europea;
  • Descrizione  : una nostra breve esposizione dei fatti del caso;
  • Petitum  : gli articoli della Convenzione europea sollevati dai ricorrenti;
  • Dispositivo  : l’esposizione sintetica del dispositivo della decisione.

Le fonti delle informazioni riportate sono tutte ufficiali e consultabili in inglese/francese sui siti ufficiali della Corte europea: http://www.echr.coe.int/ECHR/Homepage_EN e  http://hudoc.echr.coe.int .

Case of-
N.Ricorso
I.L.
Descrizione
Petitum
Dispositivo
H.R. c. Svezia4601/142Il caso riguarda il rifiuto due anni fa del Consiglio per l'immigrazione svedese ad accogliere la domanda di asilo avanzata, nel 2011, dalla signora R.H. cittadina somala.
Quest'ultima aveva dichiarato alle autorità di essere arrivata dal suo paese, come poc'anzi detto nel 2011, salvo poi essere smentita da alcune ricerche effettuate sul suo conto: la ricorrente infatti aveva già depositato domande di asilo sia in Italia sia in Olanda.
La Svezia, paese in cui lei era illegalmente entrata nel 2007 riceve solo nel 2011 domanda di asilo.
La ricorrente, nello stesso lasso di tempo cambia versione, adducendo dapprima alla guerra, poi ad un matrimonio combinato con un uomo anziano imposto da alcuni zii, i motivi della sua fuga.
Tali ragioni, però, non convincono il Consiglio per l'immigrazione che rigetta la sua domanda.
Ne 2014 Strasburgo concede la misura cautelare ex art.39 del Regolamento, grazie alla quale la ricorrente attende in Svezia.
Quest'oggi la Corte europea dei diritti dell'uomo, decreta la non violazione dell'art.3 CEDU invocato dalla ricorrente in forza dei trattamenti inumani e degradanti che avrebbe subito una volta respinta in Somalia.
Articolo 3
Articolo 39 Regolamento
Resto irricevibile
Nessuna violazione dell'articolo 3 - Divieto della tortura (articolo 3 - Espulsione) (Condizionale) (Somalia)

About Aurora Licci

Studio Giurisprudenza a Piacenza, da quattro anni. Le mie origini sono qualche passo più in là, a S. Maria di Leuca, ultimo scoglio in una terra bagnata da due mari. Un giorno spero di ritornarvi con una barca a vela piena di libri, ma ancora non ho deciso per quale Mare andrò.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top