Home / I diritti in Europa / Master Robert Schuman 2014: una borsa di studio per Diritti d’Europa!

Master Robert Schuman 2014: una borsa di studio per Diritti d’Europa!

Le occasioni si sa vanno sempre prese al volo e Diritti d’Europa questo lo sa bene! La redazione del nostro web magazine ha ricevuto in giugno una borsa di studio integrale per il Master full-time Robert Schuman, offertaci dall’Avv. Matteo De Longis, caporedattore di Diritti Umani in Italia , rivista anch’essa dedicata alla giustizia europea e riferimento costante nella nostra attività giornalistica.

Ph Chiara Ingenito

Ph Chiara Ingenito

Il corso Robert Schuman è un Master privato a numero chiuso; tale corso, ormai da nove anni, offre ad avvocati, magistrati, dottori di ricerca, neolaureati e laureandi  in giurisprudenza una formazione d’eccellenza circa il diritto della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. La nostra giornalista Aurora Licci ha avuto l’opportunità di frequentare il corso, che si è tenuto dal 14 luglio all’8 agosto a Strasburgo presso l’Hotel Regent a Petit France, il quartiere più suggestivo della città.

Il diritto convenzionale a trecentosessanta gradi spiegato dai più accreditati professionisti italiani, la Convenzione Europea analizzata diritto per diritto, articolo per articolo, con particolare attenzione alle evoluzioni giurisprudenziali: queste sono state le tematiche del Master full time. Una buona parte del corso è stata dedicata agli aspetti procedurali – diventati ormai indispensabili – per redigere un ricorso ricevibile, specialmente dopo l’entrata in vigore della nuova guida sulla ricevibilità.

Ampio spazio è stato dedicato alla redazione del ricorso in Corte Europea da chi i ricorsi li scrive per professione da anni, come l’Avv. Egidio Lizza, l’Avv. Giovanni Romano, l’Avv. Luigi Serino e l’Avv. Matteo De Longis , Direttore esecutivo del Corso Robert Schuman.

Durante la prima settimana di lezioni prezioso ed illuminante è stato l’apporto sia dell’Avv. Antonella Mascia e del ProfCesare Pitea – entrambi ex giuristi alla Corte di Strasburgo presso la Cancelleria italiana –  sia del Dott. Stefano Palermiti che alla Corte di Strasburgo presta tuttora servizio come direttore di HUDOC: il portale in cui confluiscono decenni e decenni di giurisprudenza indicizzate in maniera totalmente nuova ed efficace rispetto al passato.

Un’altra presenza significativa, nella seconda settimana è stata quella del  Dott. Roberto Chenal – giurista presso la Corte EDU nella Cancelleria italiana- il quale durante le sue lezioni ha proposto un’interessante sintesi tra i criteri ermeneutici che la Corte utilizza ed alcuni casi pratici.

I sottili equilibri giurisprudenziali tra Corti nazionali (Corte di Cassazione, Corte costituzionale) e Corti Europee (Corte EDU, CGUE) sono stati esaminati, invece, da due autorevoli figure della Dottrina italiana il ProfGiuseppe Cataldi ed il ProfAntonino Pulvirenti e dal magistrato DottEmanuele Nicosia. Il corso, inoltre,  ha fornito gli strumenti per un approccio pratico ad Diritto Convenzionale con le “esercitazioni del venerdì”, durante le quali è stata sottoposta alla classe, ora, la soluzione di un caso verosimile concernente il Diritto Convenzionale, ora, la vera e propria redazione di un ricorso, formulario alla mano, sotto l’occhio vigile e attento degli insegnanti.

Un corso a misura di ogni operatore del diritto, capace di soddisfare, grazie ad un corpo docente altamente qualificato, una classe davvero eterogenea, che accoglie studenti, dottori di ricerca, praticanti abilitati alla professione forense e principi del foro!

Un doveroso ringraziamento va a Matteo De Longis e a Diritti Umani in Italia per l’importante opportunità a suggello di una collaborazione fervida e duratura.

Per approfondire: Corso Robert Schuman 2014. Professione Legale Internazionale ed Europea per la Tutela dei Diritti Fondamentali dell’Uomo.

About Marco Occhipinti

Nato a Ragusa, laureato a Piacenza, oggi sono praticante avvocato a Verona in uno studio specializzato nella tutela dei diritti umani. Scrivo su Diritti d'Europa dal 2012 e mi ostino a sognare un'Europa di diritti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top