Home / I diritti nel Mondo / Asia / L’Onu accusa la Corea del Nord di crimini contro l’umanità

L’Onu accusa la Corea del Nord di crimini contro l’umanità

Negli ultimi 50 anni, nella Corea del Nord, sono morti nei campi di internamento centinaia di migliaia di prigionieri politici. Lo afferma un recentissimo rapporto delle Nazioni Unite, reso noto il 17 febbraio. Un report di ben 400 pagine, con una cospicua documentazione e testimonianze delle vittime, squarcia il velo di omertà mantenuto dal regime di Kim Jong-un.

Corea del Nord Mansudae_Grand_Monument_«La gravità, la scala e la natura di queste violazioni rivelano uno Stato che non ha alcun parallelo nel mondo contemporaneo», ha affermato la Commissione d’inchiesta, istituita da una risoluzione del 21 marzo 2013 e composta dal giudice in pensione australiano Michael Kirby, da Sonja Biserko, fondatore e presidente del Comitato di Helsinki per i diritti umani in Serbia, e da Marzuki Darusman, ex procuratore generale di Indonesia.

Dal 1950 la violenza, guidata  da «politiche definite al più alto livello dello Stato», si è concretizzata in detenzioni arbitrarie, rapimenti e sparizioni forzate di persone provenienti anche da altre nazioni. Atrocità indicibili sono state consumate nei campi di prigionia con la pratica sistematica della tortura, della privazione del cibo e di ogni forma di maltrattamenti.

La Commissione d’inchiesta ha parlato apertamente di crimini contro l’umanità, citando l’eliminazione sistematica dei prigionieri con esecuzioni e l’uso indiscriminato dei lavori forzati. Alle detenute, in particolare, non è stata risparmiata alcuna sofferenza, dagli stupri alla fame, dagli aborti forzati all’infanticidio.

Alla base dello spaventoso rapporto i giudici hanno posto la testimonianza di circa 80 persone ascoltati in audizioni pubbliche a Seoul, Tokyo, Londra e Washington DC, nonché più di 240 interviste confidenziali con le vittime e altri testimoni, raccolte in condizione di estrema riservatezza per non comprometterne l’incolumità.

La Commissione ha, inoltre, constatato che la Corea del Nord possiede molte caratteristiche di uno Stato totalitario, nel quale alberga «un rifiuto quasi totale del diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione». La propaganda – è stato rilevato – viene utilizzata dal regime «per la fabbricazione di obbedienza assoluta alla Guida Suprema e per incitare all’odio nazionalistico nei confronti di alcuni altri Stati e dei loro cittadini». La sorveglianza dello Stato permea tutta la vita privata e praticamente nessuna espressione critica del sistema politico passa inosservato o impunita. Tutto il Paese è sotto il controllo del «vasto apparato politico e di sicurezza che utilizza strategicamente la sorveglianza, la coercizione, la paura e la punizione per impedire l’espressione di ogni dissenso».

Anche le prigioniere hanno subito indicibili violenze. Un testimone, sopravvissuto ad un campo di detenzione, ha raccontato di una donna incinta che era riuscita, nonostante la mancanza di cibo, a partorire un bambino. Il pianto del piccolo aveva, però, attirato l’attenzione di una guardia il quale, dopo averla picchiata, l’aveva costretta ad annegare il neonato con le sue stesse mani. Un’altra prigioniera era stata addirittura forzata a mangiare terra fino a morire soffocataAnche la popolazione femminile è sottoposta a continue violazioni dei diritti umani. Le privazioni del cibo e della libertà di circolazione hanno portato donne e ragazze a diventare vulnerabili alla tratta e costrette al lavoro sessuale al di fuori della Corea del Nord. Molte fuggono in Cina, nonostante l’alta probabilità dell’arresto, delle persecuzioni e degli stupri. Donne rimpatriate incinte vengono regolarmente sottoposte ad aborti forzati, mentre i bambini nati sono spesso uccisi.

Assemblea ONU

Il rapporto richiede anche un’azione urgente per affrontare la violazione dei diritti, compreso il deferimento dei colpevoli alla Corte penale internazionale. Al report è, infatti, allegata una lettera inviata dai Commissari al Supremo Leader, Kim Jong-un, contenente un riepilogo delle violazioni sistematiche, diffuse e gravi dei diritti umani, comportanti «crimini contro l’umanità», nonché l’avviso al dittatore di poter essere considerato come uno dei colpevoli perché, anche se non direttamente coinvolto, «un comandante militare potrebbe essere ritenuto colpevole per i reati commessi dalle forze sotto la guida e il controllo effettivo del comandante»

A conclusione del lavoro della Commissione, queste sono state le eloquenti parole del suo presidente, Michael Kirby:

 «Il mondo non può addurre l’ignoranza come scusa per aver fallito nel porre fine alle violazioni dei diritti umani in Corea del Nord. Al termine della seconda guerra mondiale molti hanno detto che se solo avessero saputo avrebbero agito. Adesso il mondo sa. Non c’è nessuna scusa»

About Michele Strazza

Avvocato ed esperto in International Law and Human Rights, lavora presso l’Ufficio legislativo del Consiglio regionale della Basilicata. Giurista e studioso di storia contemporanea, ha pubblicato numerose ricerche. La sua produzione ha ricevuto vari riconoscimenti tra cui il Premio Internazionale UCSA. È membro dell’Associazione Italiana Giuristi Europei, referente per l’Italia della Fédération Internationale de Droit Européen, della Società Italiana per lo Studio della Storia Contemporanea (SISSCO), della Società per gli Studi di Storia delle Istituzioni e di altri organismi scientifici, italiani ed europei. Suoi lavori sono apparsi su prestigiose riviste nazionali e internazionali. Ha insegnato “Istituzioni giuridiche e politiche contemporanee” presso l’Università degli Studi della Basilicata ed è componente del Centro Interuniversitario di Storia Culturale formato dalle Università di Bologna, Padova, Pisa, Venezia e Verona. Le sue ricerche sulla violenza di genere nel mondo contemporaneo sono state apprezzate da diverse organizzazioni internazionali per la difesa dei diritti umani. I suoi libri sono presenti nelle più importanti biblioteche europee ed americane come quelle della Columbia University, della Stanford University, delle Università di Yale e di Harvard. Recentemente i suoi testi sono stati acquisiti anche dalla Biblioteca del Congresso di Washington e dalla British Library di Londra.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top