Home / In evidenza / Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 13/02/2014

Le Sentenze della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 13/02/2014

Corte Europea dei Diritti dell'Uomo 7 - Court room 2

Note alla rassegna

Di seguito la rassegna delle sentenze pronunciate dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo in data Giovedì  13 Febbraio  2014, di cui, per ciascuna, si ripropongono:

  • Case of – : la denominazione del caso e il link alla sentenza caricata sul sito http://hudoc.echr.coe.int ;
  • N.ricorso  : il numero di ricorso;
  • Corte I.L.  : l’Importance Level ;
  • Descrizione  : una breve esposizione dei fatti del caso, secondo le anticipazioni ufficiali pubblicate dalla Corte;
  • Petitum  : le richieste dei ricorrenti, secondo le anticipazioni ufficiali pubblicate dalla Corte;
  • Dispositivo  : l’esposizione sintetica del dispositivo, come risultante dalla sentenza pubblicata dalla Corte.

Le fonti delle informazioni riportate sono tutte ufficiali e consultabili in inglese/francese sui siti ufficiali della Corte EDU: http://www.echr.coe.int/ECHR/Homepage_ENhttp://hudoc.echr.coe.int .

Case of -
N.ricorso
I.L.
Descrizione
Petitum
Dispositivo
Petrina v. Croatia31379/103Stipe Petrina è un cittadino croato condannato per lesioni personali. Egli ritiene di aver subito un procedimento giudiziario non equo: non avrebbe potuto infatti assistere, perché malato, ad alcune udienze – che si sarebbero però celebrate lo stesso – mentre in un’altra sarebbe stato assente il suo legale. Il governo, di tutta risposta, evidenzia al (presunta) strategia processuale di Petrina: egli avrebbe cercato di allungare i tempi processuali, assentandosi ripetutamente, per ottenere la prescrizione del reato.Articolo 6Violazione dell'articolo 6 +6-3- c - Diritto ad un processo equo (Articolo 6 - Procedimento penale ; Articolo 6-1 - Processo equo) (Articolo 6 - Diritto ad un processo equo; Articolo 6-3-c - Difesa personale)
Tali v. Estonia66393/102Andrei Tali è un cittadino estone condannato all’ergastolo il quale accusa le guardie penitenziarie di averlo sottoposto a violenze. Il 3 Luglio 2009 alcune guardie carcerarie avrebbero usato la forza per condurlo in isolamento, soffocandolo e rompendogli una costola. Il giorno successivo, Il sign. Tali rifiutava di consegnare il materasso della cella alle guardie, e perciò gli sarebbe stato usato contro uno spray al peperoncino, senza alcun preavviso, e poi, inerme a terra, sarebbe stato colpito con un manganello telescopico. Nel processo penale che ne è seguito, alcune guardie confermarono l’uso del manganello e dello spray: ma nonostante l’avvio delle indagini, ad oggi la giustizia lettone non ha fatto luce sulla vicenda.Articolo 3
Articolo 13
Resto irricevibile
Violazione dell’Articolo 3 - Divieto della tortura (art. 3 - trattamento degradante; Trattamento inumano) (aspetto sostanziale)
Danno non patrimoniale - aggiudicato
Ripetitive cases
Shchukin and Others v. Ukraine59834/09 e altri249 ricorsi3Articolo 6
Articolo 13
Articolo 1 Prot. 1
Irricevibilità (articolo 35-3 - manifesta infondatezza)
Irricevibilità (articolo 35-3-b - Caso debitamente esaminato da un tribunale interno)
Cancellato dalla lista (articolo 37-1-b - Caso risolto)
Violazione dell'articolo 6 - Diritto ad un processo equo (Articolo 6 - Procedura di esecuzione; Articolo 6-1 - Accesso al tribunale)
Violazione dell’Articolo 13 - Diritto ad un ricorso effettivo (art. 13 - Efficace rimedio)
Violazione dell'articolo 1 del Protocollo n ° 1 - Protezione della proprietà (articolo 1, comma 1 del Protocollo n ° 1 - Godimento pacifico dei beni)
Vasilyev and Others v. Ukraine29266/08 e altri 248 ricorsi3Articolo 6
Articolo 13
Articolo 1 Prot. 1
Violazione dell'articolo 6 - Diritto ad un processo equo (Articolo 6 - Procedura di esecuzione; Articolo 6-1 - Accesso al tribunale)
Violazione dell'articolo 1 del Protocollo n ° 1 - Protezione della proprietà (articolo 1, comma 1 del Protocollo n ° 1 - Godimento pacifico dei beni)
Violazione_dell’Articolo_13 - Diritto ad un ricorso effettivo (art. 13 - Efficace rimedio)

About Marco Occhipinti

Nato a Ragusa, laureato a Piacenza, oggi sono praticante avvocato a Verona in uno studio specializzato nella tutela dei diritti umani. Scrivo su Diritti d'Europa dal 2012 e mi ostino a sognare un'Europa di diritti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top