Home / I diritti nel Mondo / Americhe / CANADA: abusi e violenze di genere su donne e ragazze indigene

CANADA: abusi e violenze di genere su donne e ragazze indigene

Donne e ragazze indigene hanno una probabilità decisamente maggiore rispetto ad altre donne e ragazze canadesi di sperimentare abusi, violenze e soprusi in genere. Tra il 1997 e il 2000, il tasso di omicidi complessivo per le donne aborigene è stato del 5,4 per 100.000, rispetto allo 0,8 per 100.000 per le donne non-aborigene: quasi sette volte superiore.

Focus

“Siamo qui per onorare e ricordare la donna, e noi siamo qui perché non stiamo riuscendo a proteggere le donne dalla degradazione di povertà e sfruttamento sistemico, abuso e violenza. Siamo qui nel dolore e nella rabbia perché la violenza continua ogni giorno e l’elenco delle donne uccise e disperse si allunga ogni anno
Marlene George, Memorial March Committee organizer

International Year of the World's Indigenous People, 1993Il Canada gode di una reputazione globale come difensore dei diritti umani in patria e all’estero, che riflette un solido record di protezioni di diritti civili e politici, e un approccio generalmente graduale ai diritti economici e sociali. Tuttavia, gravi preoccupazioni sui diritti umani richiedono azioni correttive da parte dei governi federali e provinciali, con particolare riguardo ai diritti delle popolazioni indigene del Canada, in special modo delle donne.
Una realtà discriminatoria poco conosciuta, ma sta di fatto che negli anni lo Stato ha provato di fatto a far scomparire culturalmente i Nativi, da un sistema scolastico che non garantiva un’istruzione di base fino ad una graduale espropriazione delle loro terre per scopi industriali e di sfruttamento del territorio.

L’Associazione delle donne native del Canada ha documentato 582 casi di scomparse e uccisioni di donne indigene e di ragazze in Canada a partire da marzo 2010. Molti degli omicidi e delle sparizioni si riscontrano tra il 1960 e il 1990, ma il 39 per cento di tali casi si è verificato dopo il 2000. Il numero di casi è indubbiamente più alto oggi, ma i dati globali non sono disponibili in quanto il governo ha tagliato il finanziamento per il database dell’organizzazione, e le forze di polizia in Canada non sempre raccolgono informazioni su razza ed etnia.

Secondo le testimonianze delle vittime di violenza domestica e delle Onlus che lavorano con loro, le donne e le ragazze indigene spesso non ottengono la protezione offerta dalle politiche nazionali. Le donne che chiamano la polizia per chiedere aiuto possono trovarsi incolpate per abuso, oppure non vengono credute poiché trovate sotto l’uso di sostanze stcanada2upefacenti o di alcool, fino a rischiare l’arresto per azioni compiute di legittima difesa. Allo stesso modo, nonostante vi siano politiche che richiedono indagini attive su tutte le segnalazioni di persone scomparse, alcuni membri della famiglie e delle Onlus che hanno reso disponibili le chiamate alla polizia per segnalare persone scomparse hanno riferito che la polizia molto spesso non han indagato sollecitamente sui vari casi accaduti.

A sottolineare ancor più questo disagio è Meghan Rhoad, ricercatrice di diritti delle donne di Human Rights Watch: “il Canada” -spiega- “ha bisogno di mettere fine alla violenza vergognosa contro donne e ragazze indigene, causata soprattutto dalle persone che dovrebbero proteggerlo. Il Canada ha bisogno di istituire una commissione nazionale d’inchiesta e sviluppare un piano d’azione nazionale per garantire la sicurezza delle donne e delle bambine indigene.”

Conclusioni
Tra i loro più elementari diritti umani, le donne e le ragazze hanno il diritto all’integrità fisica, alla sicurezza della persona e alla libertà dalla tortura e dai trattamenti crudeli, inumani o degradanti.
Human Rights Watch si è prodigata e ha manifestato la sua più grande volontà a sostenere le donne indigene vittime di questi soprusi.Gli obblighi del trattato internazionale del Canada, afferma HRW, richiedono che il governo adotti misure per prevenire e affrontare la violenza nei confronti delle donne e delle ragazze indigene con la massima diligenza. Esso deve inoltre garantire che la polizia non tratti le persone in violazione del divieto di trattamenti inumani e degradanti, ma che al contrario tratti con rispetto e dignità in modo non discriminatorio.
I casi sproporzionati di violenza contro le donne e le giovani indigene, così come gli indicatori socio-economici e il contesto storico che predispongono quelle stesse donne e ragazze ad essere ad aumentato rischio di abusi da parte della polizia, richiedono un esame di compimento del governo delle sue funzioni per affrontare tale discriminazione.

About Vanessa Lumini

The genius build the world, the clever turn around, and the stupid think that the world revolves around them .. Laureata e appassionata in Informatica, contabile amministrativa di professione da 5 anni, con la voglia di diffondere le mie passioni in tutte le lingue a me possibili.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top